Editoria, Cda Sole 24 Ore nomina Robiglio presidente

Editoria, Cda Sole 24 Ore nomina Robiglio presidente

Drammatica la storia dell'amministratore delegato, Gabriele Del Torchio, che da quando è entrato in carica il 13 giugno ha lavorato forsennatamente per costruire la nuova semestrale e il nuovo piano industriale 2016-2020, approvato dal cda, e che ieri sera proprio dopo la conclusione dei lavori del consiglio, ha avuto un malore ed è stato ricoverato in ospedale. In particolare il Presidente del Consiglio di Amministrazione della società Giorgio Squinzi ha richiesto all'azionista Confindustria "la disponibilità a valutare positivamente il proprio sostegno a un'operazione di rafforzamento patrimoniale per quanto di competenza" (per consentire l'ingresso in Cda di eventuali nuovi azionisti o finanziatori).Nella stessa lettera, prosegue la nota, il Presidente del Consiglio di Amministrazione ha riferito all'azionista Confindustria a proposito della disponibilità dei Consiglieri di "rimettere il mandato qualora ciò fosse funzionale ad agevolare la realizzazione dell'operazione di rafforzamento patrimoniale". Inoltre, il management ha aggiunto che in relazione al valore raggiunto al 30 giugno 2016 dal patrimonio netto, pari a 28,2 milioni di euro, si rende necessario l'intervento degli azionisti attraverso una manifestazione di disponibilità ad eseguire un aumento di capitale. Colaiacovo, invece, ha presentato le sue dimissioni oggi. Lo stesso presidente ha poi nominato il consigliere Luigi Abete alla carica di Vice Presidente. Il Presidente Robiglio e il Vice Presidente Abete hanno accettato le rispettive funzioni pro tempore, dichiarando che saranno disponibili a ricoprire i suddetti incarichi soltanto fino alla prossima Assemblea. Si tratta di Carlo Pesenti, A.d. di Italmobiliare, Claudia Parzani, avvocato internazionale, Livia Pomodoro, ex presidente del tribunale di Milano e Mauro Chiassarini, A.d di Bayer Italia.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio.