DiMartedì stasera in tv su La7, anticipazioni e ospiti 11 ottobre

DiMartedì stasera in tv su La7, anticipazioni e ospiti 11 ottobre

Se vince il SI' e se serve una minoranza nel direttorio del M5S, io vengo via con niente. Posso portare anche Cuperlo! Io a Renzi ce l'ho detto chiaro: o cambi l'Italicum o è guerra. "Porco boia, ho sparato a Cuperlo!". Si preannuncia una serata difficile per il programma di La7, che dovrà vedersela con il "rivale" Politics -Tutto è politica, condotto da Gianluca Semprini, che in contemporanea su Rai 3 potrà vantare la presenza in studio del Presidente del Consiglio Matteo Renzi. Va bene, è dei nostri.

Quello che, invece, dice di trovare paradossale dell'intervento del premier è il fatto che un attimo prima affermi come il Paese stia andando benissimo mentre un momento dopo che se vincesse il no l'Italia non cambierebbe. Ancora 2 anni così e diventiamo la Germania. L'esponente pentastellato sostiene che, in ogni caso, le riforme si dovrebbero finanziate senza tagliare i servizi fondamentali del Paese, come ad esempio la sanità, ma eliminando gli sprechi, facendo la lotta alla corruzione e spostando quanto recuperato su altri capitoli del bilancio.

Così Crozza si presenta a Giovanni Floris e ai suoi ospiti (compreso il giovane deputato del Movimento 5 stelle Luigi Di Maio) con il sigaro in bocca e il fucile in spalla: "Il Pd è casa mia, io qui c'ho tutte le mie cose, la scrivania con le foto di Berlinguer, l'armadietto con le metafore divise per animali (...)". Sono sempre più disorientati verso un governo che a fronte di problemi sempre più irrisolti e pesanti blocca tutti i suoi ministri a fare campagna per il sì. Un po' come anche Di Maio e le mail: "due elementi innocui, che, messi insieme, fanno casino". Presi singolarmente vanno bene, ma se li combini salta in aria tutto. Da voi se qualcuno osa dire qualcosa contro Grillo, generalmente lo trovano a tranci al banco del pesce di Sant'Ilario. "In una classifica di gradimento interno al M5S, lei ormai viene dietro il portinaio del cugino del figlio di Casaleggio".