Censis: è record di utenti Internet, boom degli smartphone e dei social

Censis: è record di utenti Internet, boom degli smartphone e dei social

Pubblichiamo i principali risultati del 13° Rapporto Censis-Ucsi sulla comunicazione, promosso da Enel, Hp Enterprise, Mediaset, Rai e Tv2000, presentato oggi a Roma presso la Sala Zuccari del Senato da Massimiliano Valerii, Direttore Generale del Censis, e discusso da Vania De Luca, Presidente dell'Ucsi, Andrea Falessi, Responsabile Comunicazione di Enel, Antonio Menghini, Direttore Settore Pubblico di Hp Enterprise, Gina Nieri, Direttore Affari istituzionali, legali e analisi strategiche di Mediaset, Giancarlo Leone, Direttore Coordinamento editoriale palinsesti televisivi Rai, Lorenzo Serra, Direttore Generale di Tv2000, e Giuseppe De Rita, Presidente del Censis. Internet è invece utilizzato dal 73% degli italiani e dalla quasi totalità dei nostri giovani (95%) e la sua crescita è impetuosa e impossibile da frenare, dato che le previsioni vedono un utilizzo sempre più in crescita. E mentre diminuiscono gli utenti dei telefoni cellulari, in grado solo di telefonare e inviare sms (-5,1% nell'ultimo anno), continua la crescita degli smartphone, utilizzati dal 64,8% degli italiani: +12% di utenza complessiva in un anno, una crescita superiore a quella di qualsiasi altro mezzo.

Smartphone, social network e app. Queste parole, che fino a dieci anni non avevano alcun significato, sono diventate il pane quotidiano per tutti. È aumentatal'utenza dei quotidiani online, più 1,9% nel 2016, e degli altri siti web di informazione, più 1,3%. In particolare, i giornali hanno subito un crollo vertiginoso e sono seguiti ancora solo dal 40% degli italiani.

Le distanze tra i consumi mediatici giovanili e quelli degli anziani continuano ad essere rilevantissime. Se si considerano i giovani sotto i 30 anni, la percentuale è al 95,9 per cento. Tra il 2007 e il 2015 c'è stato un boom della spesa per apparecchi telefonici, aumento del 191,6%, e computer, in salita del 41,4%.

L'utenza di YouTube è passata dal 38,7% del 2013 al 46,8% del 2016 (fino al 73,9% tra i giovani). E ancora: l'89,3% dei giovani è iscritto a Facebook, contro appena il 16,3% degli anziani.

Facebook è il social network più popolare a seguire YouTube e una crescita importante per Instagram salito dal 4,3 per cento degli utenti del 2013 al 16,8 per cento del 2016. Il rapporto individua anche i nuovi motori del consumo dei media: le donne. E se un giovane su tre (il 36,3%) ha gia' un tablet, solo il 7,7% degli anziani lo usa. Per molto tempo le donne hanno mostrato una predilezione per televisione e libri, ma nel 2016 si è aggiunto il primato femminile anche nell'uso di Internet.Su internet il 74% degli italiani, smartphone usati dall'89% dei giovani, social network e piattaforme online indispensabili nella vita quotidiana. Su Twitter poi c'è un quarto dei giovani (il 24%) e un marginale 1,7% degli over 65. Il dato che emerge con maggiore importanza dalla ricerca annuale è che Internet penetra sempre di più nel nostro paese, un dato che è cresciuto in un anno di 2,8 punti percentuali, portando il dato complessivo a 73,7 percento.