Caso scontrini, assolto l'ex sindaco di Roma Marino

Caso scontrini, assolto l'ex sindaco di Roma Marino

Marino è stato assolto dalle due accuse rispettivamente "perché il fatto non sussiste" (le cene) e "perché non costituisce reato" (le consulenze).

L'ex sindaco di Roma Ignazio Marino è stato assolto oggi dall'accusa di peculato, falso e truffa nell'ambito del processo sui rimborsi ottenuti per 56 cene e per la vicenda della Onlus Imagine.

Visibilmente commosso Ignazio Marino commenta a caldo: "Accuse infamanti ma è stata ristabilita la verità". Dopo l'apertura dell'inchiesta, Marino si era dimesso da sindaco della Capitale. Quest'ultimo reato era relativo all'utilizzo della carta di credito che gli era stata assegnata dall'amministrazione. L'accusa di truffa si riferisce infine alla Onlus Imagine, fondata nel 2005 dal chirurgo dem. L'ex primo cittadino, in concorso con altre tre persone, avrebbe predisposto la certificazione di compensi per prestazioni di soggetti inesistenti, risparmiando circa seimila euro di contributi, tra tra il 2013 e il 2014.

Lo "scontrino gate" costato all'ex sindaco Ignazio Marino il posto in Campidoglio finisce con un nulla di fatto. Il Comune di Roma si è costituito parte civile ed ha chiesto 600 mila totali tra danni funzionali e di immagine.

Lasciando il Palazzo di Giustizia, Marino ha voluto "innanzitutto ringraziare" i suoi "avvocati Enzo Musco, Franco Moretti e Alessandra Martuscelli i quali con passione e vera dedizione e con alta professionalità si sono battuti perché la verità venisse affermata". E' chiaro che questa decisione sarà oggetto di valutazione in sede politica e che sarà criticata o lodata espressamente a seconda dei punti di vista da cui ci si mette. "Per me questa decisione ha soltanto il valore del ripristino della verita' e della conseguente mia interiore tranquillita'".

"Quanto al mio futuro politico, che molti di voi mi chiedono - ha concluso - devo dire che non è questo il momento di prendere decisioni ma è invece un momento di riflessione su quello che è stato e su quello che verrà".