Banco-Bpm: Uilca, si' a fusione, crea valore e protegge lavoratori

Banco-Bpm: Uilca, si' a fusione, crea valore e protegge lavoratori

La Uilca ricorda anche gli accordi recentemente raggiunti, in vista della fusione, tra organizzazioni sindacali e Bpm sulle tutele per gli esbueri e lo schema di welfare aziendale.

La realizzazione della fusione darà la possibilità a un massimo di 585 dipendenti del gruppo bancario milanese - che entro il 31 dicembre 2022 avranno maturato i requisiti pensionistici - di accedere al Fondo di Solidarietà, in base a quanto previsto dal piano strategico 2016-2019 presentato lo scorso 16 maggio, nel quale, tra l'altro, si fa riferimento a 1.800 esuberi tra le due banche pronte a convolare a nozze. Nel dettaglio, alla Popolare di Mantova saranno conferiti i 637 sportelli del gruppo di Piazza Meda, le attività e passività (a eccezione dei prestiti obbligazionari) strettamente connesse ai rapporti e all'operatività di tali sportelli con la clientela, inclusi i crediti in sofferenza.

(Teleborsa) - Si va concretizzando la fusione tra Banca Popolare di Milano e il Banco Popolare.

"La Banca Popolare di Milano ha la struttura patrimoniale ed economica per restare da sola e realizzare progetti industriali più redditizi e meno 'pericolosi'", o potrà valutare altre "alternative di fusione nel ruolo che merita di banca aggregante", dice Lisippo. Il capitale sociale della Popolare di Mantova passerà così da 2 milioni 968mila euro a 326 milioni e 753mila euro, attraverso l'emissione di 125.498.070 azioni ordinarie da 2,58 euro ciascuna.