Aurora Ramazzotti sulla bellezza: "Non sarò mai stratosferica ma mi piaccio così"

Aurora Ramazzotti sulla bellezza:

Michelle Hunziker ospite a pomeriggio cinque: la sua vita da moglie e mamma.

Oltre alla famiglia, Aurora ha in testa la carriera: si sta costruendo una carriera televisiva partendo da X Factor. Non solo mamma ma anche conduttrice brillante, regina indiscussa del Tg satirico Striscia la Notizia e un filmato mostra i momenti più comici e salienti.

Come ogni ventenne che si rispetti parlando di sè Aurora ha detto: "Non sarò mai una f... stratosferica", ma ora sono felice con me stessa.

Aurora ha sempre dovuto dividersi mamma e papà col pubblico, e ora anche con i quattro fratelli: le piccole Celeste e Maria Sole (figlie della Hunziker e del nuovo marito Tomaso Trussardi) e i figli di Eros Ramazzotti e Marica Pellegrinelli, Raffaela Maria e Gabrio Tullio. "Non riesco più a immaginare la mia vita senza di loro". Però sono anche felice di poter scegliere quando andare a trovarli, perché non è tutto rose e fiori: mi tirano i capelli, mi vomitano addosso, mi lanciano gli oggetti. Non si è mai trovata con tutti i fratellini e le sorelline insieme: "Ma non escludo che crescendo possa succedere. Io l'ho detto a tutti: guardate che Milano è così". Se studiassi, però, le possibilità di dire castronerie si ridurrebbero', o ancora 'Aurora te credo che preferisci altro all'università, tanto raccomandata come sei un futuro assicurato c'è l'hai'. A me sembrate solo invidiosi', 'Sta poera crista di Aurora Ramazzotti manco può respirare tra poco', ecc. Quello che doveva essere un anno sabbatico si è rivelato una scelta definitiva: non andrò all'università e va bene così. Marica e Tomaso, invece, sono persone da cui mi sento ispirata. Marica ha davvero salvato mio padre da se stesso, lui aveva bisogno di qualcuno a cui dare amore. È di una bellezza devastante, la mattina quando si alza e la sera quando va a dormire. "Era come se fossi un po' la terrona di Svizzera". Tomaso è una sorta di fratello maggiore. "Non c'è miglior scuola dell'esperienza". "Di lui ammiro la dedizione al lavoro impressionante e la pazienza con cui prova a spiegarmi l'economia, che cos'è il Pil".