Vasco contro Salvini: "Stia alla larga dalle mia canzoni"

Vasco contro Salvini:

"Mi dissocio dalla facile strumentalizzazione a scopo politico, in questo periodo, della mia canzone 'C'è chi dice no'! La propaganda politica stia alla larga dalle mie canzoni", ha scritto Vasco Rossi in un post su Facebook.

Una presa di posizione chiara quella del rocker di Zocca che fa eco a tanti suoi colleghi d'oltreoceano che si sono scagliati contro il candidato alla presidenza degli Stati Uniti Donald Trump, criticato da tanti per aver utilizzato brani a scopo politico. "C'è chi dice no", storico pezzo di Vasco Rossi del 1987 è stato usato da alcuni comitati e dai sostenitori referendari del "no".

D'altro canto Salvini non è nuovo a critiche del genere, dato che ad agosto Fabio Rovazzi aveva puntato il dito contro l'appropriazione della hit Andiamo a comandare da parte del leader del Carroccio, con tanto di balletto scatenato.