Truffe agli anziani, sgominata banda: nove arresti tra Napoli e Bologna

Truffe agli anziani, sgominata banda: nove arresti tra Napoli e Bologna

"Noi saremo in piazza, a contatto con i cittadini, durante lo svolgimento del mercato - si legge in una nota del Comando - momento questo per avvicinare ed aprire gli occhi a quante più persone verso uno dei reati più subdoli della nostra società, vera e propria piaga per gli effetti drammatici che provoca dal punto di vista economico e soprattutto psicologico, spingendo all'isolamento e conseguentemente alla solitudine quelle persone, soprattutto anziani, che già spesso vivono con tristezza e difficoltà questo momento della loro vita". Tra gli altri, usavano presentarsi come “maresciallo dei Carabinieri”, figura che rassicurava gli anziani e li induceva a cedere alle richieste dei malfattori di affidare loro denaro o preziosi.

Così i Carabinieri dei Comandi Provinciali di Bologna e Napoli stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare personale, emessa dal Gip presso il Tribunale di Bologna, nei confronti di 9 persone, ritenute membri di un'associazione criminale specializzata nelle truffe in danno di persone anziane.

Napoli - Giravano l'Italia mettendo a segno truffe ai danni di anziani fingendo di essere avvocati e chiedendo denaro per evitare ai parenti delle vittime il carcere.

Nel corso dell'operazione sono state eseguite numerose perquisizioni nelle abitazioni dei sospettati che per la maggior parte risiedono in provincia di Napoli. Altre persone sono indagate a vario titolo.

Le indagini hanno acclarato che alle truffe partecipavano, direttamente o indirettamente, componenti di intere famiglie, uomini, mogli, madri e figli, non solo con compiti operativi ma anche di collegamento con gli emissari, intervenendo all'occorrenza anche in prima persona, e/o logistici, reperendo numeri di telefoni cellulari ed autovetture con cui spostarsi, trasformando l'attività illecita in un vero e proprio "affare di famiglia", dal quale tutti traevano sostentamento.