Tiburtina incandescente: dalla fuga di gas allo sgombero migranti con feriti

Tiburtina incandescente: dalla fuga di gas allo sgombero migranti con feriti

Caos questa mattina su via Tiburtina dove le forze dell'ordine in tenuta antisommossa sono intervenute per sgomberare uno stabile occupato in via Vannina, a ridosso del Grande Raccordo Anulare.

Nel corso delle operazioni di sgombero della Tiburtina, che fanno parte di "un più ampio piano di ripristino della legalità e del decoro" (si legge nel comunicato della Questura) sono stati necessari più interventi della polizia, che ha effettuato diverse cariche per vincere le resistenze dei manifestanti.

Il traffico è stato bloccato in entrambi i sensi di marcia dai manifestanti che urlavano e fermavano le macchine in transito, sdraiandosi sull'asfalto. "Mi sono trovata all'improvviso una persona in mezzo alla strada che si è liberato dei vestiti, rimanendo in mutande per poi sdraiarsi a terra - spiega Michela Esposito dell'associazione 'Settecamini quartiere di Roma', in quel momento in auto con la bimba di soli 7 mesi - Quando ho visto che un gruppo di loro, erano circa 40 in tutto, si agitava, tirava fuori i cassonetti dei rifiuti e i carrelli della spesa mi sono spaventata, doprattutto per mia figlia". Il dirigente del servizio di ordine pubblico ha riportato la frattura del setto nasale: sono in corso le indagini per identificare l'autore del ferimento.

Sul posto sono intervenute due squadre dei vigili del fuoco; anche in questo caso ci sono stati forti problemi alla circolazione in tutta l'area, anche perché il tratto di strada interessato è stato chiuso al traffico.