Spinte, botte e urla agli alunni: non chiamatele maestre!

Spinte, botte e urla agli alunni: non chiamatele maestre!

Le donne, ora, dovranno spiegare agli organi competenti e, con ogni probabilità in sede di processo penale, i motivi del loro modo violento di relazionarsi con i piccoli alunni.

Matteo Salvini, leader della Lega Nord che ha diffuso il video pubblicato qui sopra, scrive su Facebook: "Maledette, giù le mani dai bambini! ". Nel corso delle indagini, i militari hanno ascoltato anche altri genitori e un'insegnante della stessa scuola. La proposta della Lega è chiara: "telecamere negli asili". I provvedimenti - emessi dal giudice per le indagini preliminari di Potenza - sono stati emessi alla fine delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica del capoluogo lucano ed effettuate dal Reparto operativo-Nucleo investigativo del Comando provinciale di Potenza dei Carabinieri. Dopo avere sentito altri genitori, un'insegnante e grazie alle immagini acquisite attraverso le intercettazioni è stato confermato il sistema di violenze fisiche e verbali utilizzato dalle tre maestre.

A dare il via alla vicenda e dunque a permettere che avessero inizio le indagini che hanno poi portato a scoprire quello che realmente accadeva all'interno della scuola materna in questione è stata proprio una mamma nella quale il sospetto è nato dopo aver notato un cambio di umore nella figlia, un cambiamento nel suo comportamento associato ad alcuni lividi presenti sul suo corpo.