Sgombero in via del Colosseo Tensioni tra polizia e CasaPound

Sgombero in via del Colosseo Tensioni tra polizia e CasaPound

L'operazione si è conclusa con 16 arresti tra questi anche Simone Di Stefano, vicepresidente dell'organizzazione di estrema destra. Le 16 persone trovate nell'appartamento sono state arrestate con le accuse di resistenza, danneggiamenti e lesioni. Proprio il leader di CasaPound, già candidato sindaco e presidente della Regione Lazio, aveva opposto una forte resistenza nei confronti dei caschi bianchi intervenuti.

Ore di tensione e lo sgombero di un'occupazione nel centro di Roma.

Per entrare nel palazzo, gli agenti, guidati dal Comandante generale Diego Porta, dal vice Antonio Di Maggio, dal dirigente Maurizio Maggi e aiutati dagli uomini della Questura, "hanno dovuto forzare le numerose barriere che gli occupanti avevano frapposto per impedire l'accesso alla tromba delle scale". Si sono verificati numerosi danneggiamenti: è stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco per raggiungere il terrazzo, poiché gli occupanti avevano distrutto la relativa scala di accesso.

Lo sgombero coatto ha interessato due famiglie che da circa 3 mesi occupavano le case di proprietà del comune nelle quali abitavano da sempre. Al termine delle operazioni alcuni agenti hanno avuto bisogno di essere medicati presso l'ospedale. In campagna elettorale, Virginia Raggi aveva promesso che la difficile situazione dell'emergenza abitativa a Roma sarebbe stata risolta senza sgomberi coatti. "Lo sgombero è stato messo in atto con una violenza fuori dal comune - spiega il vicepresidente di CasaPound Italia Simone Di Stefano, ancora all'interno dell'abitazione con alcuni militanti del movimento - Le forze dell'ordine sono arrivate e hanno buttato giù il portone". Hanno buttato giù i mobili dalle finestre.

Altri articoli che parlano di.

Momenti di tensione quando un militante di CasaPound che stava riprendendo la scena è stato prima minacciato, poi affrontato in modo piuttosto crudo da un esponente delle forze dell'ordine, tanto che il cellulare con cui avveniva la ripresa è caduto in terra. "Da qui non mi muovo finché il Comune non trova una soluzione".