Roma, Sabatini: "Io al Real Madrid? Cerco sfide con squadre più deboli"

Mi piace una squadra a trazione anteriore, ma credo che questo sia un desiderio comune, cioè vedere squadre audaci.

Iturbe? Spalletti ha fatto un tentativo per svegliarlo? Il giocatore è tornato dopo la breve paretensi all'estero e deve imporre qui le sue qualità. Fin quando l'allenatore gli dà opportunità deve mettere qualità in campo. "E' un calciatore che ha delle attitudini importanti e delle qualità importanti, questa fase involutiva deve finire a favore suo personale e del club che lo ha acquistato".

L'attacco leggero scelto a scapito di Dzeko? "Nel presente stiamo rilevando un rendimento molto alto di Dzeko, ne prendiamo atto e ne prende atto anche l'allenatore che lo sta sfruttando al meglio direi". Totti lezioni di leadership?

"La leadership tecnica è difficilmente imitabile, soprattutto se la tecnica è quella di Francesco Totti, che propone giocate poi non replicabili, francamente. Ma potra' fare sentire il suo peso, negli ultimi mesi si sta concedendo molto alla squadra, ai compagni e alla societa'". Gli altri? È auspicabile più responsabilità, ma è difficile crescere all'ombra di Totti. "E' ovvio che giocatori devono avere l'umiltà e l'accortezza di emularlo e cercare di farlo, nell'emulazione sta il segreto del calcio". Perché la Roma pecca di personalità?

Sul momento della squadra ha aggiunto: "Abbiamo perso occasioni per primeggiare, ma la squadra ha risposto bene".

"Io oggi sono qui", ha detto mentre la squadra era impegnata in Europa League a Plzen. Futuro al Real Madrid?

Il Tempo, nella sua edizione odierna, riporta le parole di Sabatini anche in merito al proprio futuro e ad un'ipotesi sulla carta suggestiva: "Io Al Real Madrid?".