Rimborso canone Rai, come ottenerlo

Rimborso canone Rai, come ottenerlo

Hanno possibilità di richiedere il rimborso del canone Rai anche quei soggetti che, per errore, hanno ricevuto in bolletta un addebito relativo al canone, avendo pertanto versato un importo non dovuto.

Il rimborso richiesto verrà effettuato tramite accredito sulla prima fattura utile dalla società che eroga il servizio di energia elettrica (qualora l'impresa non effettui il rimborso sarà l'amministrazione finanziaria ad occuparsi del rimborso spettante).

Esempio: due coniugi sono intestatari di due diverse utenze elettriche, e il canone viene addebitato a entrambi.

L'istanza può essere presentata telematicamente dal titolare dell'utenza elettrica, dai suoi eredi o dagli intermediari abilitati, mediante la specifica applicazione web disponibile dal 15 settembre sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate.

L'istanza di rimborso può essere effettuata attraverso una raccomandata R/R con allegato documento di identità da indirizzare ad Agenzia Entrate - Direzione Provinciale 1 di Torino, Ufficio di Torino 1, S.A.T. - Sportello abbonamenti TV - Casella Postale 22 - 10121 Torino.

- Per quali motivi posso chiedere il rimborso del canone tv addebitato nella bolletta elettrica? Eventuali richieste diverse da quanto già elencato devono essere spiegate brevemente nel modulo e sintetizzate con il codice 6. La prima comprende chi ha 75 o più anni di età e dispone di un reddito familiare non superiore a 6.713.98 euro e ha inviato per tempo la documentazione per l'esenzione: in questo caso se si è pagato ugualmente il Canone Rai 2016 va fatto presente inviando il modulo compilandolo con il codice 1.

- Nel caso di un'istanza di rimborso con causale codice 4, come compilo il modello?

Il campo "data fine", invece, deve essere compilato esclusivamente se, alla data di presentazione dell'istanza di rimborso, è cessata la sussistenza dei presupposti attestati (ad esempio nel caso in cui il richiedente, alla data di presentazione dell'istanza, non appartiene più alla famiglia anagrafica del soggetto di cui ha indicato il codice fiscale). Il codice 2 invece è dedicato al soggetto richiedente, o componente della sua famiglia anagrafica, che non è tenuto a pagare il Canone Rai 2016 per convenzioni internazionali, e che ovviamente ha presentato la dichiarazione entro il termine previsto.

L'istanza di rimborso, in questo caso, produce gli effetti della presentazione del quadro B del modello di dichiarazione sostitutiva approvato con il provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle entrate del 24 marzo 2016, e successive modifiche.

- Chi verifica i presupposti della richiesta di rimborso?

Pertanto tale provvedimento riguarda tutti i contribuenti che hanno visto erroneamente addebitarsi l'importo del canone televisivo sulle fatture dell'energia elettrica e che pertanto hanno diritto ad un rimborso.