Referendum, Travaglio: vogliono il bicameralismo "cazzaro". Renzi: sei incompetente

Referendum, Travaglio: vogliono il bicameralismo

Renzi non si sottrae a un commento sulle Olimpiade sfumate a Roma per il no della sindaca Virginia Raggi: "Credo che sia chiusa, dipenderà dal consiglio comunale ma se il sindaco ha scelto il no immagino che ha la maggioranza con lei". Credo ovviamente non vuole dire di avere la certezza, dopo che lo stesso Juncker aveva accusato l'Italia di avere già avuto quasi 20miliardi di flessibilità. Lo ha detto il premier Matteo Renzi a Otto e mezzo. "Se l'Europa non fa niente per l'immigrazione, noi diciamo che tutto ciò che servirà per l'immigrazione e tutto che è prioritario per le scuole dei nostri figli, è fuori dal patto". Ma le spese legate all'immigrazione e al rischio sismico saranno fuori dal patto: " L'ho illustrato a Juncker venerdì mattina e credo che ci sia il consenso europeo". "E' come se i grillini avessero detto non riusciamo a cambiare le cose, perché se avessero voluto davvero cambiare avrebbero potuto dire che la gestione si poteva fare in un altro modo". "Oggi però c'è un quesito e me lo sono portato dietro" ha continuato Renzi. Intenso il botta e risposta del premier con il direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio, anche lui in trasmissione sia sulla riduzione del numero dei parlamentari sia sulla formazione del nuovo Senato. Nel 2017 il Pil "andrà meglio rispetto al 2016, che e' andato meglio del 2015, che era andato meglio del 2014". "Piano piano l'Italia ce la può fare e io faccio il tifo per l'Italia" ha concluso. "Nessuno intende fare le Olimpiadi contro l'amministrazione comunali". Tutta la campagna referendaria adesso si è spostata sui risparmi, che ammonterebbero a 500 milioni: "Se passa il Sì le mutande verdi non se le comprano perché togliamo i rimborsi, se vince il No restano i rimborsi", ha detto Renzi.

Il No alle Olimpiadi di Raggi, continua il primo ministro, "non mi sorprende ma mi amareggia: è impressionante che non si possa fare per il pericolo che qualcuno rubi, noi politici dobbiamo assumere la responsabilità di fare le cose". Per Renzi invece "l'articolo 70 è scritto nel dettaglio per evitare che si faccia ricorso continuo alla Corte costituzionale". Sul tema delle Olimpiadi a Roma, Renzi ha parlato di un capitolo ormai chiuso. Che ha anticipato anche un periodo temporale possibile per sottoporre il quesito agli italiani: "Il 26 settembre in Consiglio dei ministri decideremo la data", "si voterà entro l'anno", ha precisato il premier, anticipando che quello tra il 27 novembre e il 4 dicembre "è un arco di tempo possibile".