Rai: tetto rigido agli stipendi. Bucato dalle eccezioni

Rai: tetto rigido agli stipendi. Bucato dalle eccezioni

"Il Direttore Generale Antonio Campo Dall'Ortoha poi dato conto al Consiglio delle attività in corso per recepire quanto deliberato da Anac".

L'impegno della Rai è quello di "utilizzare come riferimento specifico il rispetto dell'indicazione di tetto retributivo di 240mila euro oggetto del dibattito parlamentare prevedendo però un ridotto e disciplinato numero di eccezioni legate ad alcune figure apicali operative". Si tratta di "un passaggio molto importante nella vita dell'azienda in cui si è dato seguito a quanto annunciato in Commissione di vigilanza nelle sedute del 27 e 28 luglio 2016", si legge nella nota di Viale Mazzini. Ma con una sostanziale eccezione: il cda della Rai ha approvato all'unanimità il regolamento sulle retribuzioni dei dirigenti che - come spiegato dal presidente Monica Maggioni in Vigilanza - recepisce il tetto di 240 mila euro ma prevede per alcune figure la possibilità di andare oltre "in modo variabile e per un tempo determinato''". Per questi dirigenti, alla retribuzione fissa potrà essere aggiunta una "ridotta parte variabile secondo percentuali definite e collegate alla performance", che il dg Campo Dall'Orto ha quantificato in circa 50mila euro. Si tratta, in sostanza, di rispettare l'indicazione del tetto garantendo però a Rai la possibilità di continuare a motivare, attrarre o trattenere i dipendenti con competenze altamente qualificate valorizzandone il merito. La decisione deliberata dal Cda Rai ha comprensibilmente innescato un'aspra polemica politica, tanto più che quando il parlamentò stabilì il limite massimo agli stipendi delle aziende controllate dallo Stato, la Rai riuscì ad aggirare il nuovo regolamento emettendo titoli di debito e - di fatto - non rientrando più nella categoria di aziende su cui il provvedimento poteva intervenire. "È stata individuata una linea virtuosa che risponde alla natura ibrida della Rai con poche, pochissime, figure apicali con stipendi coerenti con le linee di mercato" ha detto Maggioni.