Puliamo il mondo, volontari in campo anche a Cesa

Puliamo il mondo, volontari in campo anche a Cesa

Recuperati rottami di ogni genere come materassi, mobili, intere carcasse di auto ed elettrodomestici e tanta plastica. Un fine settimana di grande pulizie per Puliamo il Mondo la più grande iniziativa di volontariato ambientale organizzata in Italia da Legambiente in collaborazione con la TGR Rai, la Testata Giornalistica Regionale, Media Partner della Campagna stessa che vedrà impegnati in in Campania circa 30 mila volontari per ripulire e riqualificare oltre 300 aree degradate.

Parole d'ordine: liberare le città dai rifiuti e il degrado e contribuire a spazi urbani più sostenibili, puliti e inclusivi.

Pertanto, l'invito alla partecipazione è rivolto a tutta la cittadinanza, compresi i bambini e i minorenni in generale, in quanto Puliamo il Mondo rientra tra le manifestazioni riconosciute dal MIUR in qualità attività educativa a tutti gli effetti. "Soprattutto alle amministrazioni, in testa quella della capitale, chiediamo di rimettere al centro delle politiche una sana gestione del ciclo dei rifiuti e che contribuisca al ritorno alla bellezza dei territori". "I 40mila volontari scesi in strada in questi tre giorni ha dimostrato come è ancora distante la politica delle parole e degli annunci, dai cittadini responsabili che vivono da protagonisti la voglia di riscatto e di cambiamento".

L'iniziativa è stata promossa dall'Associazione Montenero, assieme a Legambiente Liguria e al circolo spezzino, con la collaborazione del Comune di Riomaggiore, del Parco Nazionale delle Cinque Terre e di Acam. La Croce rossa Italiana, che da sempre si occupa dell'eliminazione di qualunque forma di discriminazione e pregiudizio e che da molti anni è impegnata anche in attività di mitigazione degli effetti dei cambiamenti climatici sull'uomo, l'Associazione dei Comuni virtuosi e l'Osservatorio carcere dell'Unione delle Camere Penali, che monitora le carceri italiane da un decennio.

Nel salernitano interventi a Sarno con la pulizia della alla vasca realizzata dopo la frana del '98 nella frazione di Episcopio mentre ad Eboli volontari insieme a rifugiati politici sono intervenuti nella pulizia di microdiscariche lungo la strada aversana in direzione Campolongo con l'aiuto dei mezzi delle aziende agricole di Alma Seges.