Ponte sullo Stretto, Renzi: "Porterebbe 100mila posti di lavoro"

Ponte sullo Stretto, Renzi:

Lo ha affermato il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta, a margine dell'Aula all'Ars, intervenendo sulle dichiarazioni del presidente del Consiglio Matteo Renzi che oggi ha rilanciato il progetto del ponte sullo stretto di Messina. Un rilancio delle grandi opere, quindi, quello effettuato dal premier che a proposito del Ponte sullo Stretto di Messina ha sostenuto la necessità di "togliere a Calabria dall'isolamento" e "far sì che la Sicilia sia più vicina". "In generale dico che la decisione di realizzare un'opera non può dipendere dall' esistenza di pericoli, che certo ci sono, ma non possono costituire una condizione ostativa perché si facciano le cose". Sarà per questo che il premier Matteo Renzi ha deciso di rilanciare, per l'occasione, un vecchio tormentone berlusconiano: il Ponte sullo Stretto di Messina. Il premier è stato accolto dal ceo Pietro Salini, che poi ha presentato a Renzi alcuni dei cento giovani ingegneri che l'impresa ha assunto per dare un segnale verso il futuro.Quello stesso futuro che, nella mostra interattiva "Beyond", si lega alla riflessione sul passato di Salini Impregilo.

"Bisogna continuare le grandi opere: dalla Bari-Lecce alla Napoli-Palermo con il Ponte sullo Stretto, in un'operazione che sia utile, crei posti di lavoro e ci metta nelle condizioni di togliere l'isolamento della Calabria e avere la Sicilia più vicina". Non voglio parlare della riforma del lavoro perché abbiamo adottato le stesse regole che ci sono in Germania e altrove solo che con qualche anno di ritardo.

Una grande opera infrastrutturale quella che secondo Renzi collega Napoli a Palermo.

Picchia duro Beppe Grillo: "Il Menomato Morale oggi ha detto che è pronto ad aprire i cordoni della borsa (di soldi pubblici dei cittadini) per far ripartire il progetto del Ponte sullo Stretto, un'opera costosissima, inutile e in piena zona sismica - ha scritto sul suo blog -. Vogliono fare populismo ma la nostra città si opporrà in tutti i modi". Probabilmente Renzi - ha osservato - si riferiva ai progetti che dobbiamo riprendere a discutere con Ferrovie ed Anas, gli stakeholder quando ha parlato di carte da sbloccare. "No, io sono contrario", ha concluso Salvini. "La mia è una sfida in positivo" ha detto il presidente del consiglio.

In questa, il pittore spagnolo, partendo dalla concezione della fantasia come base di tutte le creazioni, cerca di far comprendere che senza il supporto della ragione la mente condurrà a mostri e a tanti elementi inesistenti. E in particolare, occorre "concludere le grandi opere", ma non solo. "È inutile piangere sul latte versato", ha detto parlando in Triennale. "La legge per sbloccare la realizzazione del Ponte sullo Stretto sia inserita nel calendario della Camera dei prossimi tre mesi". Lo ha dichiarato stamane nel corso dell'assemblea che celebra i 110 anni del gruppo Salini-Impregilo.

La sfida, l'ennesima, è del presidente del Consiglio Matteo Renzi.