Petrolio:New York chiude in rialzo in attesa di vertice Opec

Petrolio:New York chiude in rialzo in attesa di vertice Opec

È quello trovato dall'Opec ad Algeri sul taglio della produzione di petrolio. La scorsa settimana, le scorte USA sono diminuite di 1,9 milioni di barili, per un totale di 501,7 mln rispetto all'incremento previsto, pari a 3 mln di barili.

L'intesa è stata trovata dopo che Arabia Saudita e Iran hanno raggiunto un punto di equilibrio tra le rispettive posizioni. Sui mercati asiatici i future sul Light crude Wti salgono di 4 cent a 47,09 dollari e quelli sul Brent cedono 6 cent a 48,63 dollari al barile.

Prezzo del petrolio in leggero rialzo, ma l'aumento è frenato dalle aspettative sull'esito del vertice dell'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (Opec) di oggi ad Algeri.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore.

Nell'accordo non si dice infatti di quanto verrà tagliata la produzione e i dettagli rimangono pochi.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.

Non abbiamo reagito a livello di posizionamento ma stiamo beneficiando dell'effetto, specie sulla parte di credito emergente, nei confronti di quei Paesi che sono particolarmente esposti alle dinamiche delle commodities: mi riferisco in primo luogo alla Russia, ma poi anche al Kazakistan, al Messico e al Brasile su cui abbiamo esposizione. Molti analisti ritengono invece che i produttori continueranno a tenere d'occhio il mercato e probabilmente rinvieranno le trattative sul congelamento al vertice ufficiale dell'OPEC in agenda a Vienna il 30 novembre.