Perez, al via i funerali. Sono arrivati i grandi del mondo

Perez, al via i funerali. Sono arrivati i grandi del mondo

Ci saranno Mahmoud Abbas, François Hollande, il principe Carlo d'Inghilterra e forse anche Barack Obama.

Il presidente americano Barack Obama saluta l'ex presidente e premier israeliano Shimon Peres come un uomo di Stato il cui impegno per la sicurezza di Israele e la ricerca della pace "è stato radicato nella sua base morale inscalfibile e nel suo ottimismo instancabile". Il premier Renzi è giunto stamane: "A Gerusalemme per dare l'ultimo saluto a un grande del nostro tempo" ha scritto su Twitter. Obama proseguirà subito per il Monte Herzl a Gerusalemme, per partecipare alle esequie dell'ex presidente israeliano Shimon Peres.

E' morto a 93 anni l'ex presidente israeliano Shimon Peres. Entrato in politica nel partito laburista sotto l'ala protettrice di Ben-Gurion, il fondatore di Israele, che aveva conosciuto per caso, conobbe anche molte sconfitte elettorali dal 1977 al 1996, rialzandosi però ogni volta.

"La determinazione, il coraggio, la passione e la lungimiranza con la quale il Presidente Peres è stato protagonista della storia di Israele - in anni lunghi e travagliati - lasciano un segno indelebile nella vita dell'intera regione mediorientale".

Clinton nel 1993 fu il promotore degli accord di pace di Oslo tra Israele e palestinesi, che valse il Nobel a Peres, al premiar Yitzakh Rabin e al capo dell'Olp Yasser Arafat. Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio di cordoglio inviato al presidente di Israele, Reuven Rivlin, appresa la notizia della scomparsa di Shimon Peres. "Ma gli obiettivi - ha aggiunto indicando il presidente palestinese Abu Mazen, seduto in prima fila, al quale aveva stretto la mano prima di iniziare il suo discorso - sono la prosperità e la pace, per noi e per i nostri vicini". Peres era ricoverato dal 13 settembre al Tel Hashomer Medical Center, alle porte di Tel Aviv, in seguito a un ictus.