Organizza rapina in banca per dare bottino in dote alla figlia

Organizza rapina in banca per dare bottino in dote alla figlia

Il denaro era il regalo di nozze per la figlia del capo banda. E proprio un blitz a cinque ore dalle nozze ha sgominato la banda, che si era riunita nuovamente in città proprio per partecipare al matrimonio.

Hanno minacciato la direttrice e i clienti della banca con un coltello e, dopo averli sequestrati e rinchiusi in una stanza, sono riusciti a portar via 150 mila euro.

I carabinieri di Torino Mirafiori hanno notificato un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura di Torino nei confronti di sei persone ritenute responsabili di rapina aggravata. Un testimone, che passava davanti all'istituto, ha visto la fuga dei rapinatori e ha fornito agli investigatori alcuni dettagli importanti.

Il colpo è stato organizzato nei minimi dettagli da un gruppo criminale composto da rapinatori napoletani in trasferta e da rapinatori di origine napoletana residenti in provincia di Torino.

Il padre della sposa era l'ideatore e il reclutatore di una rapina a una filiale della Banca d'Alba a Torino. Andrea Palladino, il Pm che si sta occupando del caso, ha inoltre dichiarato alla stampa e alle televisioni che la banda avrebbe messo a segno molti altri colpi non soltanto negli ultimi mesi, e che questi saranno accertati durante gli interrogatori e il dibattito processuale a loro carico che inizierà a breve.