Olio EVO Made in Italy, storica mobilitazione

Olio EVO Made in Italy, storica mobilitazione

Ed è proprio la Toscana la sede della manifestazione, ovvero la regione su cui speculatori senza scrupoli e truffatori investono di più per spacciare, sfruttandone il nome, l'olio di oliva straniero come italiano.

Nel corso dell'evento per la prima volta sarà gustato l'olio nuovo dell'annata 2016/2017 proveniente dalle diverse regioni con le valutazioni di esperti assaggiatori ma saranno anche rese note le prime previsioni produttive in Italia per la raccolta di quest'anno con una partecipata spremitura in piazza.

Focus quindi sulle truffe dell'olio con la dimostrazione pratica delle frodi e degli inganni più frequenti e guide per l'acquisto e il consumo. Le molteplici proprietà dellolio di oliva saranno infine oggetto dellopen space dedicato allinnovazione con eclatanti curiosità dalla cucina alla tecnologia, dai nuovi prodotti alla cosmetica fino allolio di oliva piu costoso al mondo.

Con gli agricoltori ci saranno il premier Matteo Renzi insieme al ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina e al Ministro della Giustizia Andrea Orlando, il Governatore della Toscana Enrico Rossi eil Sindaco di Firenze Dario Nardella accolti dalpresidente della Coldiretti Roberto Moncalvo e l'intera giunta nazionale. Su twitter l'hashtag e' #salviamogliulivi.

Preoccupa però anche la produzione crollata del 38% e scesa ad appena 298 milioni di chili, "un valore vicino ai minimi storici di sempre, con effetti inevitabili sui prezzi".

Si prevede infatti un crollo della produzione anche in Grecia con circa 240 milioni di chili (-20%) ed in Tunisia dove non si supereranno i 110 milioni di chili (-21%).

"E' un onore per la Toscana ospitare il Tour 2016 di Coldiretti che ha deciso di celebrare nella nostra regione la Giornata nazionale dell'extravergine italiano - ha commentato Tulio Marcelli, presidente di Coldiretti Toscana - Il prodotto simbolo del made in tuscany che subisce continui attacchi con concorrenza sleale, speculazioni, mancanza di trasparenza, truffe ed inganni". "Con l'approvazione dei piano olivicolo nazionale si e' aperto un percorso di crescita del vero Made sul quale fare leva per incrementare la produzione nazionale, sostenere attivita' di ricerca, stimolare il recupero varietale e la distintivita' a sostegno della competitivita' del settore" ha affermato il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo, nel sottolineare che "l'Italia puo' contare su oltre 250 milioni di piante di ulivo su oltre un milione di ettari di terreno coltivato con il maggior numero di olio extravergine a denominazione (44) in Europa e sul piu' vasto patrimonio di varieta' d'ulivo del mondo (395) che garantiscono un fatturato al consumo stimato in 3,2 miliardi di euro nel 2015".