Olimpiadi Roma 2024: Raggi "da irresponsabili dire sì alla candidatura"

Olimpiadi Roma 2024: Raggi

La polemica sulla rinuncia alla candidatura di Roma come città ospitante delle prossime Olimpiadi, si ravviva a seguito di uno "sgarbo istituzionale".

E la Raggi, al giornalista che le ha chiesto perché non ha fatto decidere ai romani con un referendum, come aveva promesso, l'orientamento sulle Olimpiadi, ha risposto molto semplicemente che il referendum c'è stato il 19 giugno con il ballottaggio tra lei e il candidato del Pd, Giachetti, che ha puntato, anche con i manifesti a 5 cerchi (contrapposti alle 5 stelle), la sua campagna elettorale contro di lei che si era pronunciata chiaramente per il No: gli elettori, dando a lei il 64% dei voti contro il 34% a Giachetti, ha detto il suo no alle Olimpiadi. Lo ha ribadito Giovanni Malagò, presidente del Coni, sulle possibili azioni di risposta al no della sindaca Raggi alla candidatura di Roma 2024. Alle 15.07 abbiamo detto che magari se ci vuole parlare, ci dedica più attenzione e rispetto nei confronti del mondo che rappresentiamo. Il Comune di Roma deve organizzare le opere, siete voi, quindi è una sfiducia espressa a se stessi. A partire dall'incontro saltato con la Raggi, "Siamo entrati alle 14.23" in Campidoglio e "ci hanno fatto accomodare nel salottino della sindaca".

A sua volta, in un'altra conferenza stampa, il presidente del Coni ha contestato gli argomenti del sindaco, pur senza addurre una documentazione a sostengo delle proprie tesi, paventando danni erariali per il Comune. Primo firmatario dell'atto presidente della commissione sport, Angelo Diario (M5S) tra coloro che si sono più occupati del dossier olimpico. Ma la legge di stabilità dello scorso anno ha stanziato un contributo di 2 milioni di euro per il 2016 e di 8 per il 2017 a favore del Coni, con vincolo di destinazione in favore del Comitato promotore per Roma2024. "Dipendera' dalla decisione formale del Consiglio comunale, ma se il sindaco dice di no immagina di avere la maggioranza con lei".

Non si è fatta attendere la replica di Malagò. In passato ci sono stati degli sprechi? La formula delle Olimpiadi di "Roma Capitale 2024", al posto di " Roma 2024", infatti, potrebbe superare la contrarietà che il Consiglio Comunale di Roma si appresta a votare, dopo la decisione assunta dalla Raggi nelle ultime ore.