Nuovo video hard in rete: Selvaggia Lucarelli contro un giovane di Pozzuoli

Nuovo video hard in rete: Selvaggia Lucarelli contro un giovane di Pozzuoli

Su Twitter iniziano a comparire gli hashstag #mestoarricreann e #amòvai, e un follower della Lucarelli dice intelligentemente che "vedendo ciò che accade, oltre a dire denunciate direi anche smettetela di farvi riprendere così non correte rischi!" In tanti lo custodiscono gelosamente sul proprio cellulare. Agenti specializzati sono a lavoro e nelle prossime ore i protagonisti del video saranno identificati. La polizia ha aperto un'indagine sul caso, che coinvolge anche il ragazzo ripreso insieme alla giovane, con l'obiettivo, innanzitutto, di individuare il responsabile della pubblicazione del filmato.

Si procede d'ufficio, però, per il vasto clamore che la vicenda ha destato in città e per le informative giunte dalla Polizia postale di Milano, dove la blogger Selvaggia Lucarelli ha denunciato il giovane che ha postato su fb commenti denigratori sulla protagonista del video. E adesso, sono io la vittima del cyberbullismo.

"Purtroppo ancora non ci si è resi conto della gravità di certi comportamenti irresponsabili come quello di far circolare o, peggio ancora, mettere in rete video che dovrebbero restare privati a meno che non ci sia la volontà di renderli pubblici" ha aggiunto Borrelli annunciando che con Simioli ha segnalato l'intera vicenda ale autorità preposte e allertato il Sindaco di Pozzuoli per attivare i servizi sociali. Una ragazzina di 16 anni ha raccontato che la protagonista del video sarebbe da giorni chiusa in casa in preda ad atti di autolesionismo, rifiutandosi di andare a scuola. Il primo cittadino ha definito l'episodio "raccapricciante", spiegando che "cyberbullismo e mancanza di rispetto totale hanno preso il sopravvento".

Tanto scalpore ha creato la storia di Tiziana Cantone, a tal punto che Selvaggia Lucarelli si è mossa in prima persona.