Nuova Zelanda: allerta tsunami, evacuate le zone della costa nordest

Nuova Zelanda: allerta tsunami, evacuate le zone della costa nordest

Una violenta scossa di magnitudo 7.1 è stata registrata in mare al largo della costa settentrionale della Nuova Zelanda a una profondità di 25 chilometri nella crosta terrestre. La Protezione civile e il Centro per la gestione delle emergenze hanno invitato gli abitanti di Tologa Bay, sulla costa nord, ad abbandonare velocemente le proprie abitazione. La Nuova Zelanda è un paese che si trova al limite della cosiddetta "cintura di fuoco" del Pacifico: qui sono registrate fino a 15.000 scosse di terremoto all'anno.

In un primo momento, secondo le autorità, il pericolo era soltanto potenziale, ma poi (90 minuti dopo il terremoto) in seguito al fatto, che un'onda è arrivata a 30 cm dalla regione di East Cape (situata all'estremita est dell'isola) è scattato l'allarme tsunami. Le autorità - ha confermato Radio New Zealand - hanno quindi disposto l'evacuazione della popolazione dalle zone costiere della regione di East Cape. Il maremoto è stato registrato anche dall'istituto geosismico statunitense Usgs. Il sisma si è verificato alle 4,37 ora locale (le 16,37 italiane).