Napoli, nuovo video a luci rosse: protagonista una 19enne di Pozzuoli

Napoli, nuovo video a luci rosse: protagonista una 19enne di Pozzuoli

Intanto sono già partite le indagini delle forze dell'ordine. E lo fanno girare peggio di una trottola.

"Come promesso ieri, stamattina sono andata alla polizia postale di Milano".

Proprio per questo alcuni agenti specializzati, diretti dal vicequestore Pasquale Toscano, sono al lavoro. Non è peraltro ancora certo se sia davvero maggiorenne, la ragazza finita nelle grinfie di un maschio pronto a svenderla inviando immagini agli amici, consapevole che faranno il giro del mondo. Da una parte una giovane studentessa di Pozzuoli, ripresa con il telefonino.

È successo ancora dunque, dopo il tragico epilogo di Tiziana Cantone, la ragazza divenuta, purtroppo famosa, per la vicenda che ormai tutti sappiamo, e dopo il caso della giornalista sportiva di Sky, Diletta Leotta, alla quale hanno "hackerato" il cellulare, facendo finire in rete decine e decine di foto e video hard, stavolta è toccata ad una ragazzina di 19 anni di Pozzuoli in provincia di Napoli. Non ho fatto il suo nome, né la conosco.

Tanto scalpore ha creato la storia di Tiziana Cantone, a tal punto che Selvaggia Lucarelli si è mossa in prima persona. "Mi rivolgerò a uno psicologo e a un avvocato". La vicenda è andata oltre, scatenando le ire di Selvaggia Lucarelli.La nota blogger è infatti intervenuta dopo la pubblicazione di un post su Facebook da parte di un 23enne di Pozzuoli, Post nel quale il giovane ha deriso a lungo la protagonista del video. E adesso, anche la Regione potrebbe predisporre interventi a difesa delle vittime del web.

Il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, e l'assessore competente stanno attivando i servizi sociali.

Non dirò altro che aiuti a identificarla, posso solo garantire che la polizia postale è stata molto rapida e ha preso a cuore la questione, per cui sconsiglio vivamente a tutti di diffondere quel video attraverso qualsiasi canale.