È morto Bernardo Caprotti, patron dell'Esselunga

È morto Bernardo Caprotti, patron dell'Esselunga

E' morto all'età di 90 anni Bernardo Caprotti, imprenditore noto per aver aver fondato, nel 1957, la catena di grande distribuzione Esselunga. Nato in una famiglia di industriali tessili, nel 1957 (insieme ai fratelli) è stato tra i soci italiani della Supermarkets Italiani S.p.A., fondata alla International Basic Economy Corporation di Nelson Rockefeller. Poche interviste e tanto lavoro, Caprotti è stato l'anima della catena di supermercati arrivata ad avere oltre 22 mila lavoratori: dalle tessere a punti fino al lavoro su turni, Caprotti dalla sede centrale di Limito di Pioltello (Milano) aveva importato un modello di organizzazione e di vendita dagli Stati Uniti. Lo annuncia la moglie Giuliana.

Per espressa volontà di Caprotti le esequie avverranno in forma strettamente privata e per suo desiderio non dovranno seguire necrologi. Per il prossimo anno è attesa l'apertura di un nuovo punto vendita alla Celadina. Nella Bergamasca Esselunga è presente con 5 supermercati: Curno, Nembro, Stezzano e i due cittadini di via Corridoni e San Bernardino.