"Loro", Massimo Boldi non sarà Silvio Berlusconi

L'articolo sulla partecipazione di Boldi al nuovo film di Sorrentino è a firma di Andrea Coffami, alias di Angelo Zabaglio, scrittore. Ad essere maligni e cattivi fino in fondo, potremmo anche pensare che Paolo Sorrentino abbia maliziosamente scelto un profeta del cinema nazionalpopolare come specchio della figura politica che si accinge a raccontare. Per il momento dico no comment, non posso dire niente perché non so ancora: "staremo a vedere." .

Ai conduttori Giorgio Lauro e Geppi Cucciari, che gli chiedevano se gli piacerebbe tornare ad interpretare un ruolo drammatico, Boldi ha detto: "Sarà drammatica la vicenda, forse, ma non sarà drammatico il personaggio di Berlusconi".

Dopo Il Divo Giulio Andreotti ecco arrivare la versione sorrentiniana del berlusconismo.

Nessuna conferma ufficiale, dunque. Secondo quanto riportato da FanPage.it, infatti, sarà Massimo Boldi ad indossare gli abiti di Silvio Berlusconi in Loro, nuova fatica cinematografica di Paolo Sorrentino. Nel medesimo film c'era anche Carlo Verdone, ma non mi pare il caso di paragonarlo professionalmente alla showgirl, vista la sua comprovata vena drammatica, presente nella sua filmografia e nel suo stile ben oltre l'isolato episodio nella carriera di Massimo Boldi, risalente al 1996. Lo stesso Boldi, tra le altre cose, sta al momento girando Natale al Sud con Anna Tatangelo co-protagonista, in sala entro fine anno.

Il titolo del nuovo film, "Loro", sarebbe un gioco di parole con "L'oro", ed è ispirato al ventennio in cui Berlusconi ha, a fasi alterne, governato l'Italia.

Persino IMDB ha caricato l'immagine di Boldi all'interno della scheda film, per quello che già da ora si può definire il più rischioso, tutt'altro che certo e temerario casting della recente storia del cinema italiano.