Libia, generale Haftar riconquista due porti petroliferi

Libia, generale Haftar riconquista due porti petroliferi

E' quanto afferma in una nota il Consiglio di presidenza del governo di accordo nazionale libico al termine di una riunione d'urgenza convocata ieri sera a Tripoli per discutere dell'attacco delle truppe del generale Haftar ai siti petroliferi di Ras Lanuf, Sidra e Zuetina.

Mentre prosegue la battaglia per cacciare definitivamente lo Stato islamico dalla zona di Sirte e mentre il governo riconosciuto dalle Nazioni Unite del premier Fayez al Serraj prova a muovere i primi passi verso la ricostruzione della concordia nazionale, le milizie guidate dal potente generale Khalifa Haftar hanno lanciato nelle ultime ore un'offensiva in grande stile, prendendo possesso di roccaforti strategiche nella cosiddetta "mezzaluna del petrolio". Le forze che fanno capo al'esecutivo fi Faez al Sarraj, non sono riuscite infatti a difendere i principali porti dai quali si esporta il petrolio, principale ricchezza economica del Paese Nordafricano. "Chiediamo a queste forze di ritirarsi subito da tutte le postazioni che hanno attaccato".

La milizia di Jithran controlla i terminal ma i pozzi di petrolio che li riforniscono dalla Cirenaica sono in mano alle forze di Haftar. Ma le nuove riprese di violenza riflette principalmente, (.) la fragilità interna della Libia, ha aggiunto l'analista.