Influenza: virus aggressivo e in anticipo

Influenza: virus aggressivo e in anticipo

Questi i numeri previsti per la prossima stagione invernale da Fabrizio Pregliasco, intervenuto a Milano a un incontro promosso da Assosalute-Associazione nazionale farmaci di automedicazione. "Se questo inverno dovesse essere piu' lungo e freddo - dice - sicuramente si avranno molti piu' pazienti influenzati; se invece sara' un periodo con molti sbalzi termici si ridurra' la quota di vera influenza, ma potrebbero esserci piu' casi di sintomi simili-influenzali".

3 i virus influenzali attesi, dei quali due sono nuovi: il virus A/California/7/2009, l'H1N1 (sì, lo stesso che nel 2009 ci ha fatto tremare), il virus A/Hong Kong/4801/2014 (H3N2)-nuova variante e il virus B/Brisbane/60/2008 (lineaggio B/Victoria)-nuova variante. Di qui, l'appello a vaccinarsi: la campagna vaccinale, gestita dalle Asl, partirà tra fine ottobre e i primi di novembre, con l'obiettivo - in base a quanto stabilito dalla circolare del ministero della Salute - di vaccinare almeno il 75 per cento dei soggetti a rischio, come gli anziani con più di 65 anni, i malati cronici, il personale sanitario e le donne al secondo o terzo trimestre di gravidanza. Quest'anno però l'influenza che verrà si annuncia più cattiva rispetto a quella degli anni passati: colpirà 6-7 milioni di italiani, ma sommata ai virus 'cugini' delle sindromi parainfluenzali potrebbe mettere a letto fino a 15-17 milioni di connazionali. In altre parole, "confermano piu' che mai l'opportunita' di aderire a una forma di prevenzione efficace e sicura".

Come potersi difendere dall'arrivo precoce del virus. Riguardo ai vaccini Pregliasco sotolinea che saranno di due tipi: "il 'trivalente adiuvato', soprattutto per le persone anziane o a rischio e il 'quadrivalente' per gli adulti". Per tutte queste categorie e per le altre a rischio i medici consigliano fortemente la vaccinazione, ma si può fare di più grazie all'alimentazione.

L'estate è ormai finita e da pochi giorni è arrivato l'autunno, stagione questa in cui milioni di persone sono assalite da un vero e proprio incubo ovvero quello dell'influenza stagionale.

Ricchi di ferro e zinco sono la carne rossa, il pesce e i frutti di mare (ostriche, granchi, aragoste e sogliole), legumi (in particolare i fagioli), verdure (spinaci, asparagi e broccoli) e carboidrati (riso, uva passa, farina d'avena, cereali fortificati e pane di grano).