Gli alunni protagonisti di Puliamo il mondo

Gli alunni protagonisti di Puliamo il mondo

A tal proposito, la famosa associazione ambientalista e i suoi volontari, non si limitano a segnalare il problema presso le autorità competenti, ma vogliono anche dare un segnale forte di partecipazione, rimboccandosi le maniche e, ramazza alla mano, pulendo le strade di Cassano e le aree a verde circostanti.

Grandissimo successo hanno anche riscosso le iniziative a Calenzano venerdì 23 con le classi della Scuola Elementare Anna Frank, la meravigliosa pulizia al Masso delle Fanciulle sabato 24 (in collaborazione coi Comuni di Pomarance e Volterra) per opporsi a un progetto di trivellazione per un futuribile impianto geotermico a media entalpia, l'altra al Parco Fluviale di Pontassieve sempre sabato 24, in collaborazione con cittadini e bimbi di ogni età.

Il circolo Legambiente Parma ha individuato le sponde ripariali dei torrenti Parma e Baganza, alla loro confluenza, come uno dei punti peggiori nella città quanto a degrado, abbandono di rifiuti, situazioni di abusivismo in un luogo dove la natura rimane ancora incontrastata dallo sviluppo urbano e che è, o meglio dovrebbe essere, tra i più belli di Parma, a pochi passi dal centro storico. Legambiente fornirà guanti, sacchi e attrezzi per la raccolta dei rifiuti.

Si è chiusa ieri la XXIV edizione di Puliamo il Mondo, storica campagna di Legambiente, edizione italiana di "Clean up the World", la maggiore operazione di volontariato ambientale del mondo.

Puliamo il Mondo è aperto a tutti: si consiglia di indossare un vestiario adeguato e con stivali. Infatti, l'attività di Puliamo il Mondo, nell'ottica di Legambiente, è vista anche come un ottimo trampolino di lancio per l'adozione di politiche di inclusione sociale in cui tutti i cittadini siano attori partecipi e non solo spettatori dei cambiamenti in atto, oltre al potente impatto di sensibilizzazione sui temi dell'ambiente e dell'inquinamento. A Milano i detenuti del carcere di Bollate hanno ripulito piazza Gabrio Rosa e dintorni. Tre giorni di azioni concrete di pulizia durante i quali protagonisti assoluti sono stati gli oltre 16.000 volontari che hanno ripulito più di 150 aree in ogni angolo del Lazio.

Hanno aderito con varie iniziative sul territorio i comuni di Campobasso, Campomarino, Castel del Giudice, Gambatesa, Limosano, Macchia Valfortore, Macchiagodena, Pietracatella, Sant'Angelo Limosano, Sant'Elia a Pianisi, Riccia, Tufara.