Fuocoammare di Gianfranco Rosi è il candidato italiano agli Oscar

Fuocoammare di Gianfranco Rosi è il candidato italiano agli Oscar

Nella rosa dei film tra i quali scegliere il potenziale candidato film italiano agli Oscar c'erano sette film.

E' il commento di Monica Maggioni e Antonio Campo Dall'Orto, rispettivamente presidente e direttore generale Rai, alla scelta della Commissione esaminatrice. Tra gli altri film apprezzati, un altro docufilm, Zero Days, delo statunitense Alex Gibney, che racconta la storia del virus informatico Stuxnet che, nel 2010, attaccò il programma nucleare iraniano, e mette a nudo il programma nucleare di Usa e Israele in materia di guerra cibernetica. "Ecco penso che il film possa trovare un'ispirazione in quelle parole".

Il film di Rosi e' stato scelto dalla commissione di selezione, riunita presso l'Anica. Del Brocco ha poi sottolineato: "Per Rai Cinema, che ha coprodotto il film insieme a Donatella Palermo, a Istituto Luce-Cinecittà e al Mibact, e che da anni segue e sostiene il lavoro di Rosi, 'Fuocoammare' rappresenta in modo esemplare la nostra visione di servizio pubblico nel cinema: le nostre congratulazioni a Gianfranco Rosi e al suo immenso talento creativo per questa nuova, meravigliosa avventura, con l'augurio che la candidatura contribuisca a tenere viva l'attenzione sul dramma quotidiano dei popoli migranti".

La pellicola dovrà ora essere vagliata dall'Academy di Los Angeles, assieme agli altri titoli non in lingua inglese.

Si tratta di un documentario che racconta senza filtri la vita di ogni giorno a Lampedusa, isola del Mediterraneo al centro degli sbarchi di migranti. Il film verrà inoltre trasmesso il 3 ottobre su Raitre, giornata nazionale in memoria delle vittime dell'immigrazione. E quante possibilità ci sono che effettivamente vincerà la statuetta?