Firenze, applausi e battute a Renzi: "Quanto tu sei ingrassato?"

Firenze, applausi e battute a Renzi:

Matteo Renzi torna all'attacco dopo la tensione di ieri al vertice di Bratislava (il primo dopo la Brexit) che ha visto il premier scontrarsi con Francia e Germania."Va bene l'attenzione alle regole - ha detto il premier a Firenze - e noi le rispettiamo, ma possiamo dire che queste non funzionano e lavorare per cambiarle". "Sull'immigrazione, il punto non è che noi vogliamo accogliere e loro no. Se è giusto salvare tutti in mare, non è giusto accogliere tutti solo in Sicilia e Puglia".

Basta eventi scenografici, 'non sappiamo che farcene' esorta poi Renzi in un'intervista, sostenendo che l'Italia crede 'fortemente che l'UE abbia un futuro ma dobbiamo fare le cose sul serio'. "Ieri e' stato portato alla nostra attenzione un documento in cui nemmeno si parlava di Africa". Così il presidente del consiglio ha spiegato la distanza creatasi con la cancelliera tedesca Merkel e il presidente francese Hollande a Bratislava. "Renzi mi ha confermato che su una serie di grandi partite il Governo c'è e ci sarà". "Dobbiamo andare avanti da soli?"

"I social sono un meraviglioso modo di interloquire con gli altri e in alcuni casi però sono anche una gigantesca fogna". Poi un riferimento al caso della ragazza che si è suicidata per la diffusione in rete di un video hot: "C'è il caso di chi si uccide perché non riesce a far cancellare dalla rete un video su di lei". "La rete e' diventata un gigantesco mondo di storie diverse", ha aggiuto, "I 5 Stelle hanno fatto un lavoro eccezionale, loro sono stati molto piu' bravi di noi, hanno avuto una grande intuizione che, pero', si e' infranta, su una gestione non trasparente". Il principio della trasparenza deve trovare delle regole validi per tutti.

"Prima si andava malissimo, ora benino, ma non non consola". La crescita non è granché. "L'economia digitale puo' servire. Serve la banda larga - ha concluso Renzi - perché la nostra società si misura in giga".