Euro-Med, Berlino contro il vertice anti-austerity

Euro-Med, Berlino contro il vertice anti-austerity

Anche Manfred Weber, il capogruppo del Ppe al Parlamento europeo, ha puntato il dito contro "i soliti giochetti" del premier greco e contro Renzi e Hollande che non hanno dimostrato "senso di responsabilità" per la decisione di partecipare al vertice. "Il fatto che il presidente Hollande, probabilmente per ragioni di politica interna, ed il primo ministro Renzi si lascino manipolare da Tsipras non è un vero segnale di senso di responsabilità".

"Abbiamo adottato la dichiarazione di Atene per rafforzare la coesione e l'unità in Ue contribuendo attivamente al dialogo sul futuro dell'Europa" in vista del Consiglio Ue di Bratislava, ha proseguito il premier greco. Un tavolo comune per trovare le metodologie più consone "per indirizzare l'Europa verso una svolta pro-crescita che allenti, definitivamente, le maglie del rigore". Un fronte al quale si oppone direttamente l'altra faccia dell'Europa, quella guidata dalla Germania che punta al rispetto delle regole e degli accordi. Se Weber volesse occuparsi di cose serie ci spieghi come arginare l'ondata di estrema destra che abbiamo visto nelle ultime elezioni tedesche", ha concluso Viotti.Quanto a Schaeuble, Patrizia Toia ha osservato: "Ecco un altro esponente tedesco che sprezzantemente emana giudizi e qualifiche senza avere la lungimiranza della Cancelliera Angela Merkel, senza un'ombra di intuito politico, esponente di un tipo di Popolari miopi nella visione e 'noiosi' nella ripetizione automatica delle loro dannose ricette; ecco che questo arcigno ministro delle finanze tedesco si permette di qualificare come poco intelligenti le idee dei socialisti e democratici. "Il primo ministro Tsipras - ha detto - è tornato ai suoi soliti giochetti". E sottolinea: "Adesso l'Europa ha bisogno di unità e non di nuovi tentativi di divisione". "Se qualcuno si rivolgesse con lo sguardo al Mediterraneo vedrebbe uno straordinario pezzo di Europa, ma la stragrande maggioranza dei commentatori oggi ritiene che sia solo il passato dell'Europa". "Ora che l'estate è finita la Grecia deve accelerare sulle riforme previste dal terzo piano di salvataggio, per poter avere l'ulteriore esborso di 2,8 miliardi di euro che farà seguito alla prima tranche da 7,5 miliardi ricevuta da Atene in giugno", ha detto più diplomaticamente il presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, "spero di vedere maggiori progressi alla fine del mese". L'eurodeputato tedesco Markus Ferber ha definito Club Med l'accordo in embrione sulla flessibilit di bilancio tra Grecia, Italia, Francia, Portogallo e altri Stati mediterranei, che consentirebbe ai Paesi del Sud Europa di organizzare una minoranza di blocco in grado di fermare a Bruxelles tutti i provvedimenti non graditi.

"Credevo fosse una riunione di leader di partito e non commenterò su questo". I leader riuniti nella capitale ellenica hanno voluto avanzare proposte per "la stabilità, la sicurezza, l'economia".