Emoji Halal, arrivano le faccette con il velo

Emoji Halal, arrivano le faccette con il velo

Tutto merito di una ragazza di origini saudite, tale Rayouf Alhumedhi, di appena 15 anni, che ha condotto una vera e propria battaglia per l'affermazione della propria identità.

La ragazza, che porta il velo, ha detto di essersi accorta dell'assenza di emoticons che la rappresentano durante una chat con amici: "la gente vuole essere riconosciuta", "specialmente nel mondo tecnologico" dove "gli emojis sono dappertutto", ha detto Alhumedi ricordando che "nel mondo ci sono cosi' tante donne musulmane che portano il velo".

Rayouf indossa l'hijab per lasciare visibile solo il viso. Su WhatsApp, però, Rayouf non ha trovato un emoji in grado di rappresentarla nel gruppo creato da alcune amiche, 15enni come lei. "Visto l'alto numero di persone, crediamo che sia giusto creare un'emojicon che le rappresenti" si legge nella proposta di legge che arriva a qualche giorno di distanza dalle polemiche scatenate in Francia ed altri paesi europei riguardo il diritto di coprire il volto al mare ed in generale nella quotidianità.

Proprio di recente l'Unicode ha introdotto nuove varianti delle classiche faccine, per poter soddisfare le richieste delle diverse etnie che non si sentivano rappresentate da quelle donne e quegli uomini con la "pelle chiara".

"Vorrei qualcosa che possa rappresentare me e milioni di donne musulmane che indossano il velo con orgoglio" ha raccontato su Reddit. Se accolto, il nuovo emoticon sarà disponibile l'anno prossimo, prevede la Bbc segnalando che un componente di un sotto-comitato del consorzio si è offerto di aiutare la giovanissima a redigere una proposta formale. Staremo a vedere se e quando arriverà la replica da parte dell'Unicode Consortium, anche se le ultime indiscrezioni ci parlano di elevate probabilità di inclusione per le suddette emoji.