Droga nascosta in un doppiofondo dell'auto, maxi sequestro in dogana a Brogeda

Droga nascosta in un doppiofondo dell'auto, maxi sequestro in dogana a Brogeda

Intercettato, dunque, un notevole carico di sostanze stupefacenti pronto a "sbarcare" sul Lario. La scoperta è stata fatta giovedì pomeriggio fra le migliaia di automobili provenienti dal nord Europa incolonnate alla frontiera. La droga era stata nascosta all'interno di un doppiofondo ricavato sotto il pianale del cofano posteriore di un'auto, guidata da un croato di 48 anni residente in Germania, subito arrestato per traffico internazionale di stupefacenti. Presentandosi con scarno bagaglio l'uomo, apparentemente tranquillo, ha insospettito i finanzieri al valico, i quali hanno deciso di sottoporre ad un'approfondita ispezione il veicolo alla "buca", un'officina in dotazione alle Fiamme Gialle, dove sono entrati in azione i "cacciavitisti", che hanno smontato e rimontato l'auto alla ricerca di doppifondi. La vendita della droga sequestrata avrebbe fruttato oltre tre milioni e mezzo di euro al mercato in dettaglio.

Un maxisequestro di droga compiuto al valico di Chiasso-Brogeda due giorni fa è stato reso noto oggi, sabato, dalla guardia di finanza (GdF) di Como. Ora si indaga per individuare complici e fornitori del 48enne.