Batistuta: "Invidio Totti. Higuain non è il mio erede"

Batistuta:

Lo scenario? Lo stadio 'Franchi' di Firenze, città che lo ha amato più di ogni altra. Questo lo dice la stampa. Io sono stato e sono felice di essere stato quello che sono stato. Quanto a Icardi", ha aggiunto riferendosi alla sua mancata convocazione, "non possono giocare tutti in nazionale. Batigol ha poi parlato dei grandi attaccanti argentini del nostro campionato; Mauro Icardi e Gonzalo Higuain: "Ho letto spesso che Gonzalo sarebbe il mio erede ma questo lo sostiene la stampa. Purtroppo questo è il calcio, non si può giocare solo con gli attaccanti". "La partita di ieri non mi sembra utile per trarre molte conclusioni".

Conclusione sulla "Partita Mundial" tra Italia e Resto del Mondo con due capitani di eccezione, Antognoni e Batistuta: "Invitarmi a Firenze è stato facile". Per me è sempre un piacere essere qua, mi sento a casa.

L'idea di tornare al Franchi lunedì mi fa venire la pelle d'oca, spero di trovare tanti tifosi. Lunedì dovrò anche provare a giocare, ma non prometto niente. Grande accoglienza a Gabriel Batistuta che a Palazzo Vecchio a Firenze ha presentato assieme ad altri campioni del passato la partita che si lettà lunedì 3 ottobre allo stadio Franchi. Aspetto tanti tifosi visto che gli incassi andranno in beneficenza. Non so se ce la farò a giocare ancora ma ce la metterò tutta. "Una cosa che ho sempre sognato". "Sono già emozionato adesso".