Aism in piazza per la sclerosi multipla

Aism in piazza per la sclerosi multipla

Con il contributo minimo di 9 euro oltre a sostenere la ricerca scientifica (in Italia finanziata per ben 70% dall'AISM per il tramite della FISM), si può contribuire a finanziare anche servizi sanitari e sociali, quali il trasporto, il sostegno psicologico e le numerose attività di benessere e socializzazione che da diciotto anni la Sezione offre gratuitamente alle persone con sclerosi multipla della provincia teramana.

L'iniziativa di solidarietà, svolta sotto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, è promossa da AISM - Associazione Italiana Sclerosi Multipla e dalla sua Fondazione - FISM, con il patrocinio di Pubblicità Progresso Fondazione per la Comunicazione Sociale. Fino al 5 ottobre all'evento La Mela di AISM è legato anche l'SMS solidale 45502 del valore di 2 euro.

In Italia sono circa 110mila persone sono colpite da sclerosi multipla.

Proprio per i giovani con sclerosi multipla, lo chef Alessandro Borghese scenderà in campo insieme ai 10.000 volontari dell'Associazione. Tantissime le persone con SM nel nostro Paese; l'Italia è a rischio medio-alto con pesanti costi per il SSN: di quasi 5 miliardi di euro l'anno è il costo sociale della malattia. Sono questi i numeri della sclerosi multipla tratti dal Barometro 2016 di AISM - Associazione Italiana Sclerosi Multipla, che rilevano una fotografia assolutamente nuova della Sclerosi Multipla, cronica, imprevedibile e spesso invalidante, prima causa di invalidità tra i giovani dopo gli incidenti stradali.

"Ricordiamo che a Viterbo è presente una sede operativa pronta a fornire informazioni certificate a tutte le persone coinvolte nella sclerosi multipla.L'obiettivo è quello di offrire un supporto diretto o dove, questo non sia possibile, di cercare il servizio territoriale più adatto a ogni singolo caso specifico". "Sono sicuro che le grandi battaglie, la sclerosi multipla è una di queste, si possono sconfiggere nella vita di ogni giorno".

La ricerca negli ultimi anni ha fatto molti progressi. Per questo è fondamentale sostenere la ricerca scientifica: per garantire oggi una migliore qualità di vita, per trovare nuovi trattamenti sempre più efficaci domani, per trovare la causa della SM e la cura risolutiva in un futuro sempre più vicino.

Il prossimo fine settimana e il 4 ottobre torna in 4000 piazze italiane l'evento a sostegno della ricerca sulla sclerosi multipla, con la vendita delle mele.