Ventimiglia, polizia vs No Border: agente di 53 anni muore di infarto

Ventimiglia, polizia vs No Border: agente di 53 anni muore di infarto

Un agente di polizia di 50 anni e' morto oggi d'infarto a Ventimiglia durante i tafferugli con i 'No Borders'. Secondo le prime informazioni il poliziotto farebbe parte del reparto mobile di Genova.

Turra, di origine calabrese, e' morto nella serata di ieri dopo che alcuni "no borders" erano arrivati allo scontro con la Polizia e, durante gli scontri, è stato colto da un arresto cardiaco accasciandosi a terra davanti ai colleghi che erano con lui in servizio.

"Nell'apprendere con profonda tristezza la notizia della tragica morte dell'assistente capo Diego Turra, impegnato in attività di servizio a Ventimiglia, desidero esprimere a lei e alla polizia di Stato la mia solidale vicinanza".

Secondo la polizia, che ha perquisito la sede degli attivisti No borders di Camporosso (25 denunciati per i fatti di ieri, altrettanti fogli di via e 3 espulsioni dall'Italia), ci sono proprio gli antagonisti dietro alla fuga di ieri lungo la scogliera dei Balzi rossi e in mare e lungo l'Aurelia fino a occupare la scogliera di Menton Garavan.

Quel che è certo è che anche le forze dell'ordine stanno subendo il clima di alta tensione che da mesi si respira a Ventimiglia. "Zero tolleranza. Il governo intervenga". Basta ipocrisie basta perdere tempo. "Porgiamo le nostre più sentite condoglianze alla famiglia".

LE CONDOGLIANZE DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE - Anche l'Amministrazione Comunale di Ventimiglia ha manifestato il suo cordoglio per l'agente delle forze dell'ordine che ha perso la vita. Per il sindaco di Ventimiglia, Enrico Ioculano, "c'è una situazione contingente particolare e il centro di accoglienza del Parco Merci dev'essere l'unico punto di riferimento".

Il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, su Twitter ha espresso "rabbia per gli irresponsabili che alimentano tensioni e scontri". Lo si apprende da fonti della presidenza del Consiglio.