Stranger Things: giustizia per Barb

Stranger Things: giustizia per Barb

Ennesimo successo di questa piattaforma da 74 milioni di clienti, che dal 15 luglio di quest'anno ha sfornato un'altra produzione originale di altissima qualità, stiamo parlando della serie tv Stranger Things, ideata da Matt e Ross Duffer e prodotta da Camp Hero Productions e 21 Laps Entertainment.

Tra le poche critiche mosse alla prima stagione di Stranger Things, c'è stata quasi unanime delusione per come i fratelli Duffer abbiano deciso di gestire l'arco narrativo del personaggio di Barb, l'amica del cuore di Nancy e tra i primi abitanti della cittadina a entrare in contatto con gli effetti del Sottosopra.

Sebbene la seconda stagione non sia stata ancora ufficialmente confermata, pare proprio che si farà e che ci sarà spazio per fare giustizia al personaggio di Barb, richiesta avanzata da molti con l'hashtag #JusticeforBarb. Non è che i suoi genitori hanno detto: "Oh, Barb è sparita". I fratelli Duffer hanno fatto notare, infatti, che tutta la vicenda si svolge solo in sei o sette giorni, se non si considera ovviamente che il finale si svolge a distanza di un mese dagli eventi iniziali.

Relativamente poco si sa anche sulle sorti del personaggio del Dr. Brenner, interpretato da Matthew Modine, sul quale i due creatori dello show si sono soffermati a loro volta: "Diciamo che se avessimo voluto uccidere Brenner - da spettatore - avrei percepito quella scena come altamente insoddisfacente". Meriterebbe molto più di quello, come finale. La scomparsa di Will Byers sconvolge la città di Hawking, Indiana e il capo di polizia Jim Hopper.

A questo punto non resta che attendere la conferma ufficiale di un rinnovo per la seconda stagione di Stranger Things.