Siria. Russia respinge accuse di bombardamenti su Aleppo

Siria. Russia respinge accuse di bombardamenti su Aleppo

Quindi crede che questa immagine cambierà qualcosa?

"De Mistura ha reiterato l'appello a Stati Uniti e Russia per una tregua di 48 ore ad Aleppo dove mancano acqua e cibo e dove, come ha detto il segretario generale dell'Onu Ban Ki Moon, si rischia una" catastrofe umanitaria senza precedenti" che minaccia anche 130.000 bambini secondo dati dell'Unicef.

Il tentativo di De Mistura di indurre alla vergogna le forze in campo di fronte all'entità del massacro può funzionare con i russi?

In una giornata di continui bollettini di guerra (con 5 bambini uccisi ad Aleppo, e 80 jihadisti uccisi al confine, in territorio iracheno, dai caccia di Bagdad, e con i curdi che accusano Damasco di aver bombardato le loro postazioni anti-Isis ad Hasaka), si aggiunge il peso agghiacciante di un dossier raccolto da Amnesty International.

Anche Ali Akbar Velayati, già ministro degli Esteri iraniano per 16 anni e oggi consigliere per la politica estera della Guida suprema Ali Khamenei, è intervenuto sulla vicenda per spiegare che l'iniziativa rientra in un "patto difensivo" firmato tra Teheran e Mosca negli ultimi mesi che prevede una "cooperazione strategica complessiva". L'unica via adesso è quella di concentrarsi sul cessate il fuoco, senza precondizioni. Il portavoce del ministero della Difesa - Igor Konashenkov - annuncia che la Russia sarebbe pronta a fornire assistenza ai convogli umanitari delle Nazioni Unite in Siria, coordinandosi con il governo siriano.

Quando vi è un guerra, le situazioni drammatiche si moltiplicano.

Allo scontro tra Assad e le opposizioni si è aggiunto quello tra gli sciiti e i sunniti, gli iraniani e i sauditi, con l'aggiunta dell'intervento americano prima e russo poi.

Ma, parlando della grande attenzione che le immagini che vedono protagonista il bambino hanno suscitato in tutto il mondo ecco che il giornalista ha affermato "I bambini vengono bombardati ogni giorno, questo non è un caso eccezionale". Hanno il valore di una pausa perchè sono solo una pausa, nulla possono fare per ridurre la sofferenza della popolazione.

Per l'accordo finale resta il problema di Assad. Tutte le parti del conflitto devono accettare un compromesso. L'immagine del bambino è stata twittata inizialmente da Raf Sanchez, corrispondente in Medio Oriente del Telegraph, e poi condivisa da migliaia di utenti e ripresa dalle più importanti testate internazionali. "Per farlo ha bisogno di basi militari e ancora una volta la Siria ha dato l'opportunità ai russi per espandere la propria presenza nella regione a scapito degli americani".