Roma, "un milione per i dirigenti": bufera sullo staff della Raggi

Roma,

Se il cadeaux del capo di Gabinetto, che prenderà quasi duecentomila euro (193 per essere precisi), è quello che colpisce maggiormente, già si stanno scatenando le polemiche anche per gli altri prescelti, quasi tutti di area grillina, che viaggeranno nei casi più fortunati vicino ai 90 mila euro, con la formula del funzionario a cui viene assegnato un compenso da dirigente.

Una vera e propria polemica si è scatenata sui social, nelle ultime ore, in seguito alla diffusione della notizia che vede come protagonista il nuovo capo di gabinetto del comune di Roma, ovvero Carla Raineri e nello specifico quello che è il suo contratto di lavoro.

Carla Raineri ha firmato l'accordo con il Campidoglio lo scorso 5 agosto, dopo aver rinunciato alla presidenza della Corte d'Appello di Milano. Meno della metà di quanto oggi riceve Carla Raineri, nominata dopo un lungo tira e molla che ha riguardato altri tre candidati. Si tratta dell'emolumento più "ricco" degli ultimi 8 anni, come dimostra il confronto con i suoi 4 predecessori: Maurizio Basile prima e Sergio Basile poi, durante la Giunta Alemanno, percepivano rispettivamente 180.000 e 75.000 euro l'anno, mentre Luigi Fucito, braccio destro di Ignazio Marino, si era fermato a 73.000. "Abbiamo scoperto che i grillini amano vivere a "5 stelle" con annessi stipendi". "Raineri nuovo capo di gabinetto 193.000€.Grazie Virgi per lo spreco" il commento su Facebook.

"Al neo capo di gabinetto - scrivono Santori e Figliomeni - andranno 193.000 euro lordi oltre gli oneri riflessi ed Irap". Non sappiamo ancora di quanti giornalisti esterni si comporrà l'ufficio stampa centrale: con Schwarz, infatti, in Campidoglio c'erano anche Marco Girella (170.700 euro), e altri 11 giornalisti, più quelli degli assessori, a cui sul finire del 2015 fu affiancato lo spin-doctor Paolo Guarino.