Rio, Settebello di bronzo: con Velotto la medaglia a Ponticelli

Dopo l'argento nel beach volley conquistato dal "nostro" Paolo Nicolai e da Daniele Lupo, appena nominato portabandiera nella cerimonia di chiusura dei giochi, la nazionale italiana di pallanuoto del pescarese Francesco Di Fulvio ha conquistato una preziosa medaglia di bronzo.

Per l'ottava volta nella storia delle Olimpiadi, la Nazionale maschile di pallanuoto va a medaglia.

Anche il terzo quarto si apre con il pareggio del Montenegro a segno con Janovic, autore di una tripletta. Infatti sia Nicolas che Christian si sono vestiti da bomber ed hanno trascinato il Settebello, a suon di gol, verso il gradino più basso del podio. Nell'ultima frazione di gioco l'Italia ha tirato fuori tutto quello che poteva riuscendo poi a chiudere con un 12 a 10 che vale bronzo.

Montenegro: Radic, Brguljan Drasko, Paskovic, Petrovic, Brguljan Da. E per l'Italia è il momento della festa.

Gli fa eco il commissario tecnico Campagna: "La partita di oggi è stata bellissima e l'abbiamo sempre condotta avanti".

Il primo ad esprimere i suoi ringraziamenti alla squadra è il ct Sandro Campagna. "Possiamo affermare a cuor leggero e felice che la nostra comunità esporta lo sport anche a Rio e in giro per il mondo - ha sottolineato all'Ansa - l'assessore Gian Luca Buccilli - Complimenti ai nostri ragazzi per averci regalato questa medaglia importante". E sabato prossimo, contro il Montenegro, gli azzurri scenderanno di nuovo in vasca, per mettersi al collo, la medaglia del terzo posto. Una stagione lunghissima, una qualificazione stressante e qui otto partite una più dura dell'altra. L'Italia prova ad allungare con il gol di N. Presciutti (doppiette per i due fratelli) ma il Montenegro si mantiene in corsa con la rete di Klikovac.