Pokémon GO, nuovo aggiornamento ed assicurazione per gli allenatori

Pokémon GO, nuovo aggiornamento ed assicurazione per gli allenatori

La decisione non potrà che suscitare scalpore, ma forse renderà l'esperienza di gioco più divertente anche se decisamente più complessa.

Lascia un commento o chiedici aiuto qua sotto.

.

NB: l'unico limite di PokéVision è che dipende da Niantic stessa, quindi se i server della Niantic vanno giù, va giù pure PokéVision, e non sarà più possibile vedere i Pokemon vicini a noi. Una applicazione sociale quindi che, complice anche l'assenza di una chat ufficiale di gioco, ci consente di riscoprire il gusto delle interazioni sociali dirette, aspetto che molti sociologi e genitori potrebbero apprezzare.

Ad essere state colpite, dunque, sono alcune app che creavano dei servizi 'esterni' per Pokémon GO: PokéVision, la prima ad essere stata mandata offline, offriva appunto un servizio molto particolare e che aiutava in maniera abbastanza chiara tutti i gamers. Grazie alla partnership con Google, il gioco ci porta, tramite Pokestop e palestre a scoprire i monumenti e le attrazioni più importanti delle nostre città e dei luoghi che visiteremo dandoci la possibilità di catturare Pokémon e nel contempo di esplorare il mondo reale e magari approfondire gli argomenti. Certo non è tutt'oro quello che luccica, poiché nella mia esplorazione ho trovato per esempio, tra monumenti e opere d'arte, un Pokestop chiamato "Il Marmittaio" che è praticamente una piccola officina meccanica!

La nota mappa che mostra la posizione dei Pokémon è infatti offline su richiesta proprio di Niantic, una scelta che volendo avrebbe anche senso visto che era un po' come barare, ma che in questo momento va a complicare le cose rendendo davvero complicata la caccia ai Pokémon. Perché è innegabile che dovunque ci si gira per ogni giocatore che parla giornalmente dei Pokémon ci sono almeno altre tre persone non giocanti che ne sentono parlare con la stessa assiduità, un elemento non da sottovalutare vista la recente flessione della popolarità dei mostriciattoli tascabili sempre più affogati da brand più recenti e popolari. Si ritiene che questa opzione fosse causa di numerosi crash di sistema, con chiusure inaspettate dell'app di casa Niantic.