Pioggia di rimborsi per No Man's Sky

Pioggia di rimborsi per No Man's Sky

In questi giorni, No Man's Sky sta suscitando numerose polemiche accompagnate da richieste di rimborso da parte degli utenti insoddisfatti e da diversi bug, fra cui un errore che sembra cancellare le scoperte fatte dai giocatori nel corso delle esplorazioni.

I giocatori su Reddit hanno ottenuto con successo un rimborso su Steam, anche se di solito il servizio permette un rimborso soltanto a chi ha giocato ad un gioco per meno di due ore. "Non ci sono eccezioni". La situazione non è molto limpida e gli utenti sono irritati, incapaci di capire quali siano le reali regole da seguire per ottenere il rimborso di No Man's Sky su Steam.

Ora però, un ex dipendente Sony tra quelli che avevano lavorato alla chiusura dell'accordo con gli sviluppatori di No Man's Sky dice la sua e lo fa senza mezzi termini come riporta Gearnuke.

Il motivo principale - e che si evince anche leggendo le recensioni - riguarda la totale mancanza di multiplayer e caratteristiche pubblicizzate durante la fase di lancio, ma che non sono state poi realmente inserite nel gioco.

Queste le parole di Ahmad, che subito hanno scatenato una discussione chilometrica sotto il suo tweet che va avanti ancora adesso. Sono stati in molti coloro che hanno chiesto addirittura il rimborso, accusando la società di pubblicità ingannevole, crash continui e persino fenomeni di motion sickness.

I DLC acquistati dal Negozio di Steam possono essere rimborsati entro 14 giorni dall'acquisto, se hai giocato al gioco di base per meno di due ore dopo l'acquisto del DLC e se il DLC non è stato consumato, modificato o trasferito.