M5S, 12 consiglieri del Comune di Parma si autosospendono dal movimento

Il cofondatore del Movimento 5 Stelle, in un post pubblicato sul suo blog - e annunciato via Twitter - dal titolo evocativo, "Beppe Grillo da Cesenatico sul mare in procinto di tempesta", e corredato da una foto che ritrae l'ex comico genovese con sullo sfondo un cielo scuro e nuvoloso, scrive: "Sta per arrivare un temporale, ci sono i fulmini".

Tre consiglieri non si sono autosospesi, anche il capogruppo Marco Bosi, che però fa sapere: "Siamo tutti con Federico".

Grillo contestualmente lancia anche una sorta di raccolta fondi, legata anche alle date del 24 e 25 settembre, quando a Palermo verrà organizzata una grande manifestazione.

"Ognuno di noi diventi sindaco del proprio metro quadrato e si impegni a proteggerlo amorevolmente, questa la frase di Beppe Grillo che racchiude l'essenza di cosa deve essere la politica d'ora in avanti, il mezzo per attuarla ci è stato fornito ma l'impegno deve venire da noi cittadini. - hanno detto - Il Movimento è confronto, partecipazione e ci aspettiamo che chi porta avanti il sì alla riforma costituzionale, scenda in una piazza vera come quella dell'8 agosto a San Vincenzo e ci spieghi perchè dovremmo credere in una riforma scritta da chi, non eletto dal popolo sta rovinando l'Italia". E' quello che succederà a settembre, ottobre, novembre: lampi, tuoni, tempeste. Lo sentite? Io lo sento in una maniera straordinaria. "È un clima che. lampi. tuoni". Non sa che farà ma è certo che ci sarà.

E a Parma le cose non vanno meglio.

Una lettera mandata a Beppe Grillo e allo "staff" per dire che Federico Pizzarotti non è solo. "Il nemico - mettono in guardia - è là fuori, non siamo noi". Alcuni addirittura dal 2005, con i primi meet up.

"In una situazione paradossale i miei consiglieri hanno deciso di mettersi in gioco per dimostrare quanto sia coeso il gruppo di Parma - spiega Pizzarotti - hanno voluto fare questo gesto per vedere se succede qualcosa".

L'hanno firmata in dodici consiglieri, autosospendendosi dal Movimento per solidarietà con il sindaco. Sono rimasti per non lasciare il gruppo M5s ai due fuoriusciti che da anni fanno la guerra al sindaco.