Dopo Tim, arrivano i rincari di Vodafone, Wind e 3

Dopo Tim, arrivano i rincari di Vodafone, Wind e 3

Le prime avvisaglie che per i clienti delle compagnie telefoniche non sarebbe stato un autunno tranquillo sono arrivate già a metà agosto.

Tim/Telecom, per esempio ha introdotto (e cancellato poi a luglio, su diffida dell'Agcom) la sua nuova tariffa base per l'estero (Roaming Europa Daily Basic) che faceva pagare 3 euro in automatico al primo utilizzo del telefono durante la giornata (quindi alla prima telefonata o sms ricevuti o inviati).

Ottima notizia per tutti coloro che sono alla ricerca di una tariffa mobile completa con un ottimo rapporto servizi/costi o vogliono il nuovo Samsung Galaxy Note 7: Wind All Inclusive Unlimited è tornata attivabile da oggi, per tutti coloro che effettueranno la portabilità del numero, sul sito ufficiale Wind dove è inoltre disponibile una nuova promozione legata al Galaxy Note 7.

L'Agcom, l'Autorità garante per le telecomunicazioni, ha provveduto a sanzionare H3G, Tim e Wind per il mancato adeguamento delle proprie tariffe per chi utilizza le loro reti in roaming nell'Unione Europea. La società spiega che i 2 euro sono assolutamente competitivi e che un sms specifico ricorda all'utente che può scegliere la tariffa a consumo senza pagare i due euro.

La tendenza è di cercare nuovi introiti. Sulla stessa scia anche Wind che si prepara ad aumentare di un euro le sue tariffe sulle linee fisse.

Si accoda alla raffica di aumenti Wind: dal 25 agosto Wind 12 è stato sostituito da Wind 2: costo mensile di 2 euro; chiamate nazionali a 8 cent al minute; scatto alla risposta di 16 cent; sms nazionali a 15 cent; mms nazionali verso Wind a 25 cent; mms nazionali verso altri operatori a 50 cent; videochiamate verso Wind a 48 cent al minuto; videochiamate verso altri operatori a 96 cent al minuto; navigazione internet a 4 euro al giorno.

Ma altre sgradite sorprese sono in arrivo per gli utenti: H3G ha introdotto il 4G a pagamento. L'allarme partito dalle associazioni dei consumatori parla chiaro: "Molto probabilmente, ai rincari appena partiti seguiranno altri aumenti ancora da parte di altre società". È già successo nel passato, per esempio con i servizi di richiamata. "Erano gratuiti e dopo che uno degli operatori sul mercato ha fatto il primo passo e li ha aumentati, altri si sono subito mossi allo stesso modo".