Dimenticata a tre anni dai genitori all'autogrill , la ritrova la stradale

Dimenticata a tre anni dai genitori all'autogrill , la ritrova la stradale

Gli agenti della Polstrada di Ovada sono prontamente intervenuti e hanno coccolato e accudito la piccola per alcune ore, finché il padre non si è messo in contatto con il 113 ed è tornato a prenderla.

Una bambina di tre anni è stata dimenticata questa mattina dai genitori nell'ultima stazione di sosta piemontese prima del valico appenninico verso la Liguria, dell'autostrada A26 Genova-Gravellona Toce. Ad accorgersi di lei, in lacrime e seduta su un gradino fuori dall'Autogrill, è stato un cliente del locale, che l'ha poi accompagnata all'interno. La piccola, quando si è resa conto di essere rimasta sola, ha iniziato a piangere disperatamente facendosi notare dai turisti presenti che hanno allertato la polizia stradale di Ovada che, giunta sul posto, ha preso in carico la bimba.

Per questo non si sono preoccupati della sua assenza nella macchina, non accorgendosi però che la bambina non era neanche nell'altro veicolo. La piccola era molto spaventata, come raccontato dai soccorritori, al punto che non voleva neanche parlare.

Fondamentale il ruolo degli agenti della polizia stradale, i quali hanno trascorso le due ore in compagnia della bimba cercando di farle superare lo shock: le hanno comprato una bambola e si sono fatti un selfie assieme (immagine in alto). Il folto gruppo di amici era ripartito dopo la sosta senza accorgersi subito, complici forse la confusione, il traffico e l'ansia di rimettersi in viaggio, della mancanza della piccola. La polizia stradale di Ovada l'ha ritrovata pochi giorni fa, ora gli agenti stanno vagliando tutte le possibili circostanze che hanno portato all'abbandono della bambina.