Assessore Berdini: Olimpiadi possono essere opportunità per Roma

Assessore Berdini: Olimpiadi possono essere opportunità per Roma

"Ma di qui a otto anni ci sono tutti i presupposti per migliorare". Parole di Paolo Berdini, assessore all'Urbanistica della Giunta guidata da Virginia Raggi, uomo di sinistra e indipendente dalle dinamiche pentastellate, che in un certo senso apre alla possibilità di un ripensamento del sindaco sulla candidatura ai Giochi del 2024.

Non dobbiamo ragionare con la logica e la cultura delle grandi opere come si è fatto in tutti questi decenni. A Ilario Lombardo della Stampa rimarca come ribaltando l'ottica le Olimpiadi possano rappresentare una grande occasione.

Berdini insiste in modo particolare sul rifacimento di almeno la metà degli impianti sportivi romani che versano in condizioni fatiscenti, in primis lo stadio Flaminio, e su nuove linee della metropolitana. Da giorni, infatti, il numero uno di piazza De Bosis dichiara di avere una strategia per convincere il sindaco capitolino a firmare l'ultimo ok sulla candidatura, ma dall'entourage grillino sembrano molto scettici sulla possibilità che questo avvenga. Le opere non siano il trionfo dell'incompiuto, com'è successo con Expo che è stata una devastazione. Perché, chiusi i sei mesi di circo Togni, non hanno saputo che fare dei 120 ettari urbanizzati a vuoto.

L'apertura al dialogo dell'assessore, specie se concordata con l'inner circle della sindaca, incontra apprezzamento dal Comitato promotore di Roma 2024, dove si ricorda la disponibilità sempre espressa a un confronto con l'amministrazione capitolina, per mettere a fuoco e concordare le reali esigenze di sviluppo della Città eterna, che potrebbero essere favorite dall'organizzazione dei Giochi a Cinque cerchi.

"Può esserci spazio per una grande opera, ma al servizio della città e dei cittadini. Cambiando la prospettiva sarebbe un'iniezione di futuro per la città a partire da un evento che prima era solo dissipativo". Io dico: utilizziamo le Olimpiadi come occasione per dare un nuovo volto alla città. Se sono Olimpiadi che cambiano la vita delle persone e opere che portano benessere, non vedo perché dire di no. Le Olimpiadi possono essere un'occasione, da verificare nella sua praticabilità.