Agente Sepe: "Via da Napoli ed è colpa di Giuntoli"

Agente Sepe:

Ai microfoni di Radio CRC è intervenuto l'agente di Luigi Sepe per chiarire la situazione del suo assistito riguardo la permanenza in azzurro. Avevamo chiesto solo chiarezza e di andare via a titolo definitivo se non fosse di gradimento. "Giuntoli ci ha detto che si sarebbe giocato il posto, poi gli ho chiesto se ci fossero delle gerarchie tra il secondo e il terzo e fino a ieri ci hanno detto che non ci sono gerarchie, ma è stato poco rispettoso", ha detto l'agente.

Dovesse esserci la garanzia di prendere il posto di Reina nel prossimo futuro, se ne potrebbe discutere, in caso contrario sarà cessione: "E' una situazione imbarazzante, brutta e poco rispettosa nei confronti di Sepe". Per me Sepe non è inferiore a nessuno dei giovani portieri italiani.

"Non è possibile arrivare al 10 agosto senza chiarezza, Giuntoli dice che le gerarchie non ci sono ma in realtà nelle amichevoli è stato tutto più chiaro, Sarri avrebbe voluto conoscere Rafael perché non lo conosceva bene ancora ci è stato detto".

La separazione sembra dunque inevitabile: "Erano arrivate anche delle offerte, ma ha sempre creato problemi e un direttore deve dire se rientra o meno nei suoi piani. Ora la situazione è imbarazzante, Sepe è un loro patrimonio, poi se lui non lo vede ce lo faccia sapere che prendiamo la nostra strada", ha concluso Giuffredi. "L'anno scorso il Napoli per l'ennesima volta non ci ha creduto".