Reggio Emilia, donna accoltellata: aggressore braccato a Milano

Reggio Emilia, donna accoltellata: aggressore braccato a Milano

Il brasiliano di 39 anni è accusato di aver accoltellato per strada a Canali l'infermiera Isa Dallasta davanti alla sua bambina di 8 anni. In un primo momento l'uomo aveva detto di aver trovato il coltello sul posto, in via Firenze, ma poi, di fronte alle contestazioni degli inquirenti, ha ammesso che in realtà era nel suo zaino. Prima dell'arresto, le ricerche si erano spinte fino all'hinterland milanese, poiché si sospettava che il brasiliano potesse avere in tali zone degli appoggi logistici. I carabinieri del comando provinciale di Reggio Emilia avevano diffuso anche la sua foto per le ricerche.

La donna è stata ricoverata in rianimazione all'ospedale reggiano Santa Maria Nuova, le sue condizioni stanno comunque migliorando. Secondo il suo racconto, il 39enne da tempo era violento nei confronti di suo figlio 25enne, di cui sembra si fosse invaghito non corrisposto, e che infine era stato costretto a cambiare domicilio per sfuggirgli. E lo ha fatto mentre il gip Angela Baraldi e il pm Giacomo Forte lo incalzavano con le domande, nel corso dell'udienza di convalida che si è svolta ieri in carcere.

Per quanto riguarda l'aggressione il 39enne ha invece ribadito la sua versione, dicendo che non aveva intenzione di colpire, ma poi, sarebbe scoppiata una lite nel corso della quale ha sferrato i colpi.